il network

Sabato 22 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Natale, niente inviti a casa per gli ospiti: pranzo in Caritas

Don Pezzetti: 'Non si creava alcun rapporto costruttivo'

Natale, niente inviti a casa per gli ospiti: pranzo in Caritas

Don Antonio Pezzetti

CREMONA - Volontari mobilitati per il tradizionale pranzo di Natale alla Caritas diocesana (circa 300 le persone che siederanno a tavola) che si ripete ormai da diversi anni. In un certo senso sostituisce l’iniziativa che la stessa Caritas aveva messo in atto un paio di anni, poi fallita: l’invito personale. Cioè la singola famiglia che, in occasione delle festività natalizie, invitava a pranzo o cena un ospite della Caritas.

Fallita non perché i cremonesi non abbiamo buon cuore o non si dimostrino sensibili, ma per via della modalità. Lo conferma don Antonio Pezzetti, direttore della Caritas: «Nessuno aveva esteso l’invito. Anche al di fuori delle festività natalizie c’era stato un altro gruppo di volontari che si era dato da fare in tal senso. Ma anche in quell’occasione erano stati troppo pochi. Quindi non abbiamo rilanciato l’iniziativa. Erano infatti arrivate delle osservazioni: il singolo invito non crea la giusta atmosfera. Non fa nascere cioè nessun tipo di rapporto, in quanto fondamentalmente non si fa in tempo a conoscere la persona che uno si trovata tavola».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

17 Dicembre 2016

Commenti all'articolo

  • Antonio

    2016/12/19 - 13:01

    E invitare a tornare i finti profughi da dove sono venuti?

    Rispondi

  • enrico

    2016/12/18 - 19:07

    Ma la novita dov'è tutti pronti ad accogliere a parole ma di fatto vedete anche voi si dice secondo me ipocrisia

    Rispondi

  • NICOLA

    2016/12/18 - 13:01

    Occhedispiaceeeeeeere!!!

    Rispondi

  • koglione

    2016/12/18 - 13:01

    dovevo invitare qualcuno con il rischio di trovarmi a tavola l' africano che, tutti i giorni, mi dice "CIAO" davanti al supermercato per poi passare immediatamente alla richiesta di obolo? Don Pezzetti, insegni ai suoi ospiti paganti che in Italia si saluta chi si conosce. lezione n. 1.

    Rispondi

    • Fiorenza

      2016/12/18 - 15:03

      Io sono ITALIANA da ben 60 anni e saluto le persone che incontro anche se non le conosco, solo per buona educazione... Fiorenza

      Rispondi

      • koglione

        2016/12/18 - 17:05

        allora Fiorenza alla fiera di San Pietro Lei non guarda le bancarelle, ma passa il tempo a salutare la gente? solo in Tunisia ho visto religiosi integralisti comportarsi così, salam alec a tutti e se vuoi, solo se vuoi, rispondi salam. Lei è di religione mussulmana? integralista? porta la barba folta?

        Rispondi

  • enrico

    2016/12/18 - 10:10

    passato il Santo passata la festa

    Rispondi