il network

Mercoledì 21 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Trentasette imputati, diciannove parti civili: riflettori accesi sul calcioscommesse

Udienza tecnica martedì 6 dicembre nell'aula polifunzionale del tribunale

Trentasette imputati, diciannove parti civili: riflettori accesi sul calcioscommesse

Il tribunale blindato

CREMONA -Trentasette imputati, diciannove parti civili, tra cui la Figc, 169 testimoni di cui la procura chiede l’ammissione e tra i quali spiccano i nomi di Gennaro ‘Ringhio’ Gattuso, Bobo Vieri e Cristian Brocchi, ex allenatore del Milan. Oggi 6 dicembre 2016, nell’aula polifunzionale del tribunale si sono riaccesi i riflettori sul calcioscommesse, il processo a carico di calciatori, ex calciatori, dirigenti e personaggi che gravitavano attorno al mondo del pallone accusati di associazione per delinquere finalizzata alla frode sportiva. E c’è l’aggravante della transnazionalità.

L’indagine del procuratore Roberto di Martino, che martedì 6 dicembre ha passato il testimone ai pm Laura Patelli e Ignazio Francesco Abbadessa, ruota attorno ad un presunto giro di corrotti con il gruppo di Singapore che avrebbe finanziato le corruzioni per manipolare i risultati delle partite. Un'udienza tecnica, quella che si è svolta davanti al presidente Maria Stella Leone e ai giudici Elisa Mombelli e Francesco Beraglia e che si è aperta con l'appello, in ordine alfabetico, degli imputati, tutti assenti, tra i quali Beppe Signori, ex bomber della Nazionale, Stefano Mauri, centrocampista della Lazio, Cristiano Doni, ex capitano dell'Atalanta, Sergio Pellissier del Chievo, Stefano Bettarini, ex marito di Simona Ventura. E Marco Paoloni, l'ex portiere della Cremonese e poi del Benevento, accusato anche di aver somministrato il sonnifero Minias ai suo compagni di squadra nell'intervallo di Cremonese-Paganese del 14 novembre del 2010, l'episodio da cui è partita la maxi indagine della squadra mobile di Cremona. Alcuni difensori hanno sollevato vizi di notifica. Come il vizio di notifica dell'avviso di chiusura di indagini ad Antonio Bellavista e Luca Burini, le cui posizioni sono state stralciate. Gli atti tornano in procura. L'udienza è stata rinviata al 31 gennaio prossimo, quando il tribunale deciderà sull'ammissione di tre nuove parti civili: l'Associazione Mantova Calcio che chiede i danni a Pelliccori, l'associazione Grosseto Calcio, all'epoca presieduta da Piero Camilli, oggi presidente della Viterbese, e Intralot.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

06 Dicembre 2016