il network

Sabato 17 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Calcioscommesse, martedì 6 si apre il processo

L'accusa è di associazione a delinquere finalizzata alla frode sportiva, ci sono 37 imputati tra i quali Signori, Mauri, Doni, Pellissier, Bertani, Bettarini e Paoloni

Calcioscommesse, martedì 6 si apre il processo

Il tribunale di Cremona

CREMONA - Si apre domani, martedì 6 dicembre, davanti al tribunale il caso 'calcioscommesse', il processo per associazione a delinquere finalizzata alla frode sportiva a carico di trentasette imputati, tra i quali spiccano i nomi di Beppe Signori, ex bomber della Nazionale, il calciatore della Lazio, Stefano Mauri, l'ex capitano dell'Atalanta, Cristiano Doni, Sergio Pellissier, Cristian Bertani, Stefano Bettarini, ex calciatore, ex marito di Simona Ventura.

Sul banco degli imputati c'è anche Marco Paoloni, l'ex portiere della Cremonese e poi del Benevento, il quale deve anche rispondere di adulterazione, cioè di aver 'drogato' con il Minias, potente sonnifero, i suoi ex compagni di squadra nell'intervallo della partita Cremonese-Paganese del 14 novembre 2010. E' il match da cui ha avuto inizio la maxi indagine del procuratore, Roberto di Martino, sul calcio malato, che ha portato gli inquirenti della squadra mobile di Cremona a scoperchiare il sistema delle presunte corruzioni messo in piedi dal gruppo degli asiatici con a capo il boss Tan Seet Eng, detto Dan, tra gli imputati. Gruppo, questo, per l'accusa collegato ai 'bolognesi', il gruppo capeggiato da Beppe Signori, a sua volta accusato anche di riciclaggio di denaro ( storia di conti cifrati aperti in Svizzera) con Luigi Sartor, ex Milan e Parma, il commercialista Daniele Ragoni e il manager Luca Burini.

Numerose le parti civili già ammesse all'udienza preliminare: diciannove in tutto, dalla FIGC alla Lega Pro, dall'Associazione italiana calciatori alla Lega nazionale professionisti serie B, dal Sassuolo al Novara e all'Atalanta.

Il processo davanti alla presidente, Maria Stella Leone, e ai giudici Elisa Mombelli e Francesco Beraglia, è fissato per le nove in un tribunale blindato.Tre aule video collegate sono state messe a disposizione: l'aula polifunzionale al piano terra per imputati e loro difensori, l'aula B al primo piano per le parti civili, e l'aula della corte d' assise al primo piano per la stampa e il pubblico.

05 Dicembre 2016