il network

Venerdì 21 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Ha picchiato e umiliato la compagna per anni, espulso

La donna di 38 anni ha trovato il coraggio di denunciare in questura l'uomo che sarà comunque indagato per il reato di maltrattamenti verso familiari e conviventi

Ha maltrattato e umiliato la compagna per anni, espulso

Maltrattamenti in famiglia in foto d'archivio

CREMONA - Anni di percosse, umiliazioni e maltrattamenti subiti dal compagno che, anche a causa di frequenti abusi di alcol e stupefacenti, si è spesso reso responsabile di comportamenti violenti e oppressivi nei suoi confronti, percuotendola di frequente quando riteneva che la donna si comportasse male o non assecondasse i suoi voleri. Non ce l'ha più fatta una 38enne di nazionalità moldava che si è presentata in questura, presso la sezione specializzata che si occupa dei reati relativi alla violenza su donne e minori, e ha presentato una dettagliata denuncia nei confronti del compagno 36enne di nazionalità marocchina, dal quale la donna ha avuto una bambina. Al termine del racconto e della verbalizzazione sono state attivate immediate indagini che hanno permesso di accertare come l’uomo, con diversi precedenti penali, tra le altre cose, non fosse in regola con le norme sul soggiorno. L'uomo è stato munito di un nuovo decreto di espulsione dal territorio Nazionale con immediato accompagnamento, già nel pomeriggio di giovedì 1 dicembre, presso il C.I.E. di Torino, provvedendo ad attivare, sempre da parte del locale Ufficio Immigrazione, le previste procedure consolari per il rilascio di un “lasciapassare” che permetta il rimpatrio del soggetto in Marocco. Il 36enne sarà comunque indagato per il reato di maltrattamenti verso familiari e conviventi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

02 Dicembre 2016

Commenti all'articolo

  • vittorio

    2016/12/03 - 09:09

    Un clandestino con DIVERSI PRECEDENTI PENALI e DECRETI DI ESPULSIONE a cui viene comminato un NUOVO DECRETO DI ESPULSIONE ? Patetico !

    Rispondi