il network

Mercoledì 14 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


NELLE ZONE TERREMOTATE

Caritas cremonese operativa con il campo base solidale

In prima linea operatori e volontari impegnati in un presidio fisso per sei mesi in Centro Italia

Caritas cremonese operativa con il campo base solidale

Cristiano Beltrami, il vescovo Antonio Napolioni e don Antonio Pezzetti

CREMONA - La cena benefica a base di pasta all’amatriciana che lo sabato 5 novembre, alla Casa dell’Accoglienza, ha visto l’adesione di circa 300 persone insieme al vescovo Antonio Napolioni e diversi sindaci del territorio, è stata anche l’occasione per presentare ufficialmente gli interventi cremonesi a favore delle popolazioni terremotate. Con attenzione particolare alla zona di Amatrice e ai confinanti territori dell’arcidiocesi di Camerino-San Severino Marche, terra d’origine del vescovo Napolioni. Dopo il primo sopralluogo esplorativo il 26 settembre, la visita del 31 ottobre scorso è servita a definire i dettagli dell’intervento cremonese insieme al responsabile della Caritas camerte, don Luigi Verolini, e all’arcivescovo Francesco Giovanni Brugnaro. "Realizzeremo - ha spiegato il vicedirettore di Caritas cremonese Cristiano Beltrami - un progetto di sostegno e vicinanza a partire dall’apertura di un base operativa in una località ancora da definire. Tale base sarà disponibile già il 14 novembre, per un durata di almeno sei mesi".

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

07 Novembre 2016