il network

Mercoledì 14 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Altri due giorni di disservizi, l'ira dei pendolari

Il comitato dei viaggiatori ha presentato alla Regione l'elenco delle cose promesse e non fatte

Pendolari alla stazione di Cremona

CREMONA - Il paventato aumento delle tariffe (si parla del 5%, anche per far fronte ai costi necessari a garantire più sicurezza a bordo). I disservizi che continuano. I picchi di rabbia per i convogli soppressi e per uno stillicidio di ritardi, di carrozze fredde, di informazioni distribuite con il lanternino. Riesplode la rabbia dei pendolari lombardi per la qualità del trasporto pubblico su rotaia e anche questa volta in prima linea ci sono i cremonesi che viaggiano su Milano-Mantova, Cremona-Brescia e Cremona-Treviglio. Il comitato dei pendolari lombardi si è espresso con fermezza e duramente nei confronti della Regione, in particolare con l'assessore alla partita Alessandro Sorte, presentando al Pirellone l'elenco delle cose promesse e non fatte. La situazione, definita 'inaccettabile', si è palesata anche negli ultimi due giorni.

Giovedì 3 novembre la soppressione di un treno, a metà mattinata, sulla Cremona-Brescia, ha provocato conseguenze non particolarmente gravi, mentre in serata un guasto ad alcuni passaggi a livello tra Soresina e Casalbuttano ha provocato ritardi fino ad un’ora. I guai si sono ripresentati la mattina di venerdì, in modo più serio, per la soppressione del Codogno-Cremona delle 8.07, che non è partito a causa di un guasto allo stesso convoglio. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

04 Novembre 2016