il network

Lunedì 12 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Sant'Agata, il mistero delle pergamene rubate

Ladri senza nome e all'appello mancano ancora 236 documenti

Sant'Agata, il mistero delle pergamene rubate

Alcune delle pergamente recuperate

CREMONA - «Le pergamene sono ancora qui... per ora non ho avuto alcun segnale di interesse da parte di chicchessia, neppure dell’Archivio storico diocesanno», spiega Angela Bellardi, direttrice dell’Archivio di Stato che ha in consegna i preziosi documenti recuperati dai Carabinieri. Oltre la metà delle pergamene: 277 delle 513 trafugate sono state restituite dai militari dell’Arma, ma delle altre non si ha traccia alcuna. «L’appello a restituire i documenti è andato disatteso, almeno per ora — spiega la direttrice che recentemente ha contattato il nucleo di Monza per avere aggiornamenti —. Vedo improbabile che chi ha ottenuto illegalmente i pezzi si faccia vivo, però non si sa mai. Certo il furto è probabile che sia avvenuto ben prima rispetto alla data in cui si è scoperto che mancavano preziose pergamene dall’archivio di Sant’Agata». All’indomani della denuncia di sette persone, alcune residenti a Cremona, le altre nelle province di Mantova e Bergamo, i Carabinieri avevano fatto appello a coloro che erano in possesso dei pezzi mancanti, consigliando di presentarsi dagli inquirenti e restituirle, anche in forma anonima, è la strada da seguire per evitare problemi. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

04 Novembre 2016