il network

Domenica 23 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


BASSA PIACENTINA

Droga, bloccato il rifornimento per il Cremonese

Blitz in una cascina piacentina, sequestrati coca e proiettili. Due nordafricani sono fuggiti, segnalati alcuni assuntori

Droga, bloccato il rifornimento per il Cremonese

La droga e i proiettili sequestrati dai carabinieri

BASSA PIACENTINA - I carabinieri hanno interrotto l’ennesimo ‘market’ della droga nelle campagne piacentine, sequestrando cocaina ed eroina destinata soprattutto ad assuntori di Cremona e del Cremonese: decine di assuntori varcavano il ponte di Po per rifornirsi. Il blitz è scattato nella serata di mercoledì 19 ottobre in località La Secca di Monticelli d’Ongina, nell’ambito dei controlli legati al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti, portati avanti dai militari della compagnia di Fiorenzuola. Due uomini, pare nordafricani, erano nei pressi dell’area logistica dismessa e stavano ricevendo i primi clienti. L’arrivo dei carabinieri li ha costretti a fuggire a gambe levate e nella fretta hanno perso 85 grammi di cocaina e 51 grammi di eroina più altre dosi già confezionate. A terra sono stati trovati anche un bilancino utilizzato per pesare la ‘roba’, un telefono cellulare e 40 munizioni da fucile. Nonostante l’inseguimento nei campi, i due sono svaniti nel nulla e probabilmente sono riusciti a salire sull’auto di un complice che li attendeva nelle vicinanze. E’ stata invece bloccata dall’Arma, e segnalata alla prefettura cremonese come assuntrice, una 30enne residente nella città del Torrazzo: si stava rifornendo proprio dai due. Adesso le indagini, coordinate dal maggiore Emanuele Leuzzi, sono concentrate sul telefono perso dagli stranieri. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

20 Ottobre 2016