il network

Lunedì 05 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Migranti: 'tregua' finita

Dopo due settimane 'tranquille', si attendono entro il mese fino ad 80 richiedenti asilo

Migranti: 'tregua' finita

Migranti al largo su un gommone diretti in Italia

CREMONA - In prefettura, dove affrontano ormai da mesi e giorno per giorno quel fronte sempre più delicato, fra l’altro obbligati spesso ad assolvere a richieste — quelle del ministero competente — avanzate al mattino per la sera, rimangono prudenti: «Se siamo in emergenza? L’emergenza è diventata ordinarietà». Ma di fatto, dopo due settimane di sostanziale tregua, con ‘appena’ una decina di arrivi registrati negli ultimi quindici giorni, Cremona si prepara a garantire di nuovo un contributo massiccio all’accoglienza, con le assegnazioni al territorio destinate ad aumentare in conseguenza degli sbarchi che nel Mediterraneo hanno ripreso ad essere quotidiani. Non ci sono ancora certezze sui numeri e nemmeno informazioni precise sui tempi ma, accolti già mercoledì 5 ottobre i primi nove migranti, ipotizzando una stima verosimile ci si attendono non meno di cinquanta profughi nelle prossime due settimane. E settanta, anche ottanta, entro fine mese. Con, già ora affacciato all’orizzonte, il problema di sempre: la mancanza di un numero sufficiente di alloggi. «Noi — spiega don Antonio Pezzetti, direttore della Caritas — alla Casa dell’Accoglienza non abbiamo più un solo posto. Almeno, quella è la situazione attuale, al netto delle partenze che possono sempre verificarsi e che liberano spazi. Siamo in grado di garantire le prime procedure, dalla doccia al pasto alla consegna degli abiti, ma nient’altro».  

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

05 Ottobre 2016

Commenti all'articolo

  • Antonio

    2016/10/06 - 12:12

    80 x 35 = 2800 Altri 2800 euro al giorno che lo stato italiano (cioè noi) deve sborsare per vederli ciondolare in giro per la città. Tutto questo per anni. E IO PAGO!!!!!!

    Rispondi

  • vittorio

    2016/10/06 - 08:08

    IN CITTA' E NEI PAESI GIRANO FROTTE DI DISPERATI (MA NON TRPPO) CON I LORO TELEFONINI ULTIMO MODELLO , L'IMMANCABILE E MISTERIOSA BICICLETTA , E LA BRAMOSIA DI VOLERE TUTTO CIO' CHE VEDONO STAMPATA NEGLI OCCHI . QUANTO DURERA' PRIMA CHE INIZI IL DISASTRO , COMUNEMENTE CHIAMATO INTEGREZIONE ?

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000