il network

Sabato 03 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Il sedicente nipote del cardinal Ruini condannato a 1 anno e mezzo di reclusione e 900 euro di multa

Aveva prosciugato il conto corrente della fidanzata: condannato a risarcirle 30 mila euro

Il sedicente nipote del cardinal Ruini condannato a 1 anno e mezzo di reclusione e 900 euro di multa

Il tribunale di Cremona

CREMONA - Per far colpo su una donna, si era presentato come il nipote del cardinal Ruini e come amico del cardinal Tonini. Si era spacciato per uno pieno di soldi e di case, soprattutto in Romagna, ma anche in Costa Azzurra. Le aveva giurato amore eterno e promesso di sposarla. Più che uno 'spaccone', un truffatore. E per truffa giovedì 29 settembre il giudice Francesco Sora ha condannato a un anno e sei mesi di reclusione e a 900 euro di multa Maurizio D'Alberto, 51 anni, bolognese. L'uomo è stato inoltre condannato a risarcire 30 mila euro a Maria, 41 anni, impiegata nel Milanese, l'innamorata, alla quale aveva prosciugato il conto corrente: l'imputazione parla di 59mila euro, ma la cifra totale, alla fine, ammonta a circa 300mila euro. Maria si era costituita parte civile con l'avvocato Luca Curatti. Il giudice ha inoltre subordinato il beneficio della sospensione condizionale della pena al risarcimento della provvisionale (il danno complessivo sarà liquidato in un separato giudizio civile). Il pm onorario, Silvia Manfredi, aveva chiesto per il bolognese la condanna a un anno di reclusione e 800 euro di multa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

29 Settembre 2016

Commenti all'articolo

  • vittorio

    2016/09/30 - 08:08

    In Italia si può! Puoi ingannare una donna fingendoti innamorato, solo per rubarle soldi, sapendo che per quanto ti condannino, non andrai mai in galera e non pagherai multe. Signori e signore senza scrupoli , ben venuti nel PAESE DELLE MERAVIGLIE

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000