il network

Sabato 10 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

La Guardia di Finanza festeggia il suo patrono: spirito di servizio e saldezza morale

Nella chiesa di Sant'Ilario il vescovo ha celebrato la messa alla presenza di numerose autorità civile e militari

La Guardia di Finanza festeggia il suo patrono

La celebrazione a Sant'Ilario

CREMONA - Nella mattinata del 21 settembre, presso la Parrocchia di S. Ilario a Cremona, il vescovo Antonio Napolioni, ha celebrato la messa in occasione della ricorrenza di San Matteo, Patrono della Guardia di Finanza. La cerimonia si è svolta alla presenza del prefetto, del presidente del Tribunale delle più alte autorità civili e militari della Provincia di Cremona e di numerosi finanzieri in servizio ed in congedo, nonché dei loro familiari. Durante l’omelia, il vescovo ha ricordato la figura dell’Apostolo Matteo, pubblicano ed al tempo esattore delle tasse, il quale con un semplice “seguimi” fu chiamato da Gesù, passando così dal banco delle imposte al suo servizio quale Apostolo ed Evangelista. Monsignor Napolioni ha poi invitato le Fiamme Gialle a seguire l’esempio di Matteo proponendosi come strumento di giustizia. Ha, poi, sottolineato rivolgendosi ai Finanzieri come l’appuntamento della Festa del Patrono debba essere vissuto come “uno specchio nel quale ritrovare voi stessi, le ragioni e lo stile del vostro servizio, della vostra professionalità e della vostra vita”. Al termine della cerimonia, il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza, colonnello Antonino Costa, ha ringraziato tutti gli intervenuti e, traendo spunto dall’omelia ha invitato il personale a continuare ad operare con autentico spirito di servizio ispirato a grande impegno, dedizione e saldezza morale a tutela dei cittadini del bene comune. La presenza dei rappresentanti di vertice delle altre istituzioni provinciali è stata l’occasione,  per sottolineare come, “soprattutto in questo momento storico in cui sembrano vacillare i più elementari valori umani e sociali, non si possa sperare di incidere in maniera significativa sull’illegalità in generale, e su quella economico finanziaria in particolare, senza un’azione corale e condivisa di tutte le istituzioni, a cui le Fiamme Gialle garantiranno sempre la massima collaborazione”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

21 Settembre 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000