il network

Venerdì 02 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Gestione canile: 'schiaffo' agli Zoofili Cremonesi

L’atto di indirizzo approvato mercoledì 14 settembre dalla giunta. Convenzione di un anno con 'La Cuccia e il Nido' di Calvatone

Gestione canile: 'schiaffo' agli Zoofili Cremonesi

L'interno del canile di Cremona

CREMONA - Il 30 settembre, fra due settimane esatte, scade la convenzione prorogata fino a quella data dal Comune agli Zoofili Cremonesi per la gestione del canile. Ed è proprio in vista di quella scadenza che, pur non rappresentandolo ufficialmente, somiglia molto ad un uscio sbattuto in faccia all’associazione l’atto di indirizzo approvato mercoledì 14 settembre dalla giunta. Questo il comunicato diramato dal Comune di Cremona: "La Giunta, preso atto dell’esito della procedura di gara e delle novità sulle disposizioni regionali, ha approvato gli indirizzi per l'affidamento della gestione del servizio di ricovero e mantenimento dei cani vaganti e randagi del Comune di Cremona e dei Comuni convenzionati. E' stato innanzitutto deciso di provvedere in tempi brevi alla realizzazione, nell’area comunale di via del Casello, di un canile sanitario. Nel frattempo, nel periodo compreso tra il 1° ottobre 2016 e il 30 settembre 2017, per consentire i lavori, sarà utilizzato, senza costi per il Comune e in accordo con l'ATS (Agenzia Tutela della Salute), il canile sanitario del Parco Rifugio 'La Cuccia e il Nido' di Calvatone. Per quanto riguarda il canile rifugio, dopo i necessari approfondimenti di carattere tecnico, la Giunta ha dato l'indirizzo di sottoscrivere una convenzione, della durata di un anno, mediante affidamento diretto, con i gestori della struttura di Calvatone, punto di riferimento di altri 49 Comuni, che presenta disponibilità di spazi tali in grado di ospitare 90 animali all'anno a condizioni economiche più convenienti rispetto al passato: 100mila euro annui e mille euro per l'acquisto di mangimi speciali. Si avrà pertanto un risparmio sulla gestione di circa il 50% rispetto all'attuale (circa 200mila euro annui). Dopo la stipula della convenzione, i 59 cani che si trovano attualmente nella struttura di via del Casello verranno trasferiti a Calvatone. Le prescrizioni indicate nella convenzione garantiranno il benessere degli animali ospiti della struttura e la qualità del servizio offerto ai cittadini. E’ stato infine deciso di stralciare dal Piano delle Alienazioni la vendita del lotto 2 “canile nuovo” e, contestualmente, è stata inserita tra le modifiche al Piano delle Opere Pubbliche (POP) la riqualificazione del canile comunale di via del Casello che prevede, in particolare, la realizzazione del canile sanitario per un costo di circa 90mila euro".

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

14 Settembre 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000