il network

Domenica 04 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


SONCINO E ORZINUOVI

I calabroni invadono i borghi: 'Prudenza, sono pericolosi'

In due mesi trenta interventi, raddoppiati rispetto all'anno scorso: ecco come ci si deve comportare

I calabroni invadono i borghi: 'Prudenza, sono pericolosi'

Un nido di calabroni a Soncino e i pompieri al lavoro

SONCINO - E’ allarme calabroni nelle due città di confine: tra il borgo e Orzinuovi negli ultimi due mesi gli interventi dei pompieri per ‘bonificare’ le case dai nidi di questi pericolosi insetti sono arrivati a quota 30. Più del doppio rispetto all’anno scorso. Riccardo Groppali, docente all’università di Pavia, invita alla cautela: «Non avvicinatevi ai nidi, questi esemplari hanno un veleno molto potente».

E’ diventato il nemico numero uno dei soncinesi, che in questi due mesi sono stati presi d’assedio da sciami infestanti: la ‘vespa crabro’, comunemente detta calabrone, quest’anno ha raddoppiato i nidi nel territorio tra Orzi e Soncino.

«Non c’è insetticida commerciale che tenga — commenta Roberto Scalvini, caposquadra dei pompieri — una volta individuato il nido bisogna subito chiamare il 112 e aspettare che arrivi una squadra attrezzata con veleni e tute speciali».

L’intervento è infatti molto rischioso: «Si tratta di animali estremamente difensivi e territoriali — spiega Groppali —, il veleno della loro puntura è molto potente e molto consistente anche in quantità».

E sono pericolosi?
«Se infastiditi sì. Ogni esemplare ha molto veleno: si consideri che due punture, su una persona in perfetta salute, possono mandarla all’ospedale. Ma non sono quasi mai mortali».

Quasi mai...?
«Sconsiglio di prendersela con un nido. Se dovessero uscire e pungere in venti, la situazione diventerebbe molto critica».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

30 Agosto 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000