il network

Martedì 06 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


CREMONA

"Chiudere i giardini di piazza Roma con cancellate"

La proposta di Marcenaro: alle 20 fuori tutti

"Chiudere i giardini di piazza Roma con cancellate"

CREMONA - "I giardini pubblici di piazza Roma vanno chiusi con una cancellata, alla otto della sera tutti fuori. Davanti alle legittime proteste dei residenti e di chi viene in città per ammirare questo storico polmone verde, ridotto in condizioni pietose e penose, non ci sono altre soluzioni. Bene i controlli delle forze dell’ordine, bene il presidio della polizia locale, ma da questa situazione non se ne esce e bisogna far presto, altrimenti il degrado rischia di sfuggire di mano agli amministratori comunali". Questa la ricetta di Paolo Marcenaro, che parla ovviamente a titolo personale ma che ha, nello stesso tempo, un ruolo istituzionale: è infatti da qualche mese presidente del Comitato di quartiere 16, Zona Centro. I cremonesi stanno sempre di più alla larga dai Giardini, che in verità si sono positivamente rianimati solo durante i ‘Giovedì d’Estate’, grazie alle iniziative delle Botteghe del Centro con il Comune. Ma è proprio il Comune che Marcenaro mette sotto accusa, senza mezzi termini. Spiega: "Qualche settimana fa abbiamo fatto un sorta di sopralluogo con l’assessore Alessia Manfredini, giusto per renderci conto di quello che avviene. L’assessore ha visto, ha preso buona nota di tutto, ha garantito che l’amministrazione sarebbe intervenuta, ma nulla è stato fatto". 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

16 Agosto 2016

Commenti all'articolo

  • angelo

    2016/08/17 - 12:12

    ...il coprifuoco dopo le 20,00 no? dai: tutti chiusi in casa così i ragazzini non bevono, non fumano, non si drogano, e finalmente anche gli adulti non bevono non fumano non si drogano e stanno più in famiglia, con i loro bei cagnolini... i pokemon... tanta televisione con la sua bella pubblicità, isoliamoci ancora un po' dài su avanti così finalmente la smetteremo di vedere in giro anche persone perse nei cellulari. alla guida. TUTTI IN CASA. è così che si risolvono i problemi di disagio e difficoltà sociale. clap clap clap clap in prigione, in prigione, e che ti serva da lezione....

    Rispondi

  • Antonio

    2016/08/17 - 10:10

    Chi non ha un lavoro o chi fa il finto profugo deve essere rispedito indietro, chiudere i giardini vuol dire spostare i problemi da un altra parte, problemi che questa amministrazione non è grado di risolvere.

    Rispondi

  • Alessandro

    2016/08/17 - 09:09

    Prevenire è meglio che curare. La recinzione è la conseguenza dei balordi che girano nei giardini. Ma il problema dei balordi rimarrà. Chi li mantiene deve essere anche responsabile del degrado che provocano. E siccome non fanno una mazza dalla mattina alla sera se non per spacciare qualche droga bisogna farli lavorare tutti, ma dico tutti dalla mattina alla sera fino a stancarli bene tipo pulire le sponde dei fiumi, pulire i marciapiedi, le piazze, le vie ed i fossi.

    Rispondi

  • enrico

    2016/08/17 - 08:08

    Recintiamo tutti i giardini e le piazze e blindiamo le nostre case con inferiate chiediamoci in casa e non usciamo più la sera. Secondo me la politica dovrebbe interessarsi un po più dei problemi dei cittadini e quello dell'ordine pubblico e un problema molto sentito.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000