il network

Giovedì 08 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


SESTO CREMONESE

Ladri rumorosi messi in fuga dai vicini

Picconate per smurare la cassaforte, allertati i carabinieri. Danni ingenti all'abitazione

Ladri rumorosi messi in fuga dai vicini

Gli arnesi lasciati dai ladri e uno scorcio di via Liguria

SESTO — Ladri a mani vuote, sabato 13 agosto, grazie a un quartiere intero sceso per strada, che ha dato l’allarme avvisando i carabinieri. Se la sono filata a gambe levate e con le pive nel sacco, ma i danni a cassaforte, sistema di sicurezza e serramenti della villetta presa di mira sono piuttosto ingenti. E’ successo in via Liguria, dove i predoni sono entrati in azione mentre i proprietari erano assenti. Tutto è cominciato intorno alle 21.20 quando alcuni vicini hanno sentito suonare la sirena dell’impianto di allarme che la banda, composta da almeno tre persone, ha staccato dalla parete esterna gettandola nella piscina alle spalle della casa per disattivarla. Dopo aver scardinato una porta-finestra, i malviventi hanno messo fuori uso la centralina dell’allarme, rovistato in armadi e cassetti e buttato all’aria le stanze al piano superiore. Hanno divelto addirittura uno scaffale del garage senza però rubare nulla. Tornati al piano terra hanno individuato la cassaforte e hanno cercato di smurarla utilizzando arnesi rubati in un cortile attiguo.

«Un vicino — riferisce il proprietario — mi ha detto che si sentivano rumori assordanti provenire dalla nostra casa, come se ci fossero dei muratori al lavoro. Siccome non cessavano e sapeva che non eravamo in casa, ha capito subito che c’erano i ladri e dopo aver chiamato i carabinieri, è venuto a suonarci il campanello in continuazione sperando che se ne andassero, ma i rumori del piccone proseguivano, loro andavano avanti indisturbati. Picchiavano talmente piano che un martello si è persino rotto». Nel giro di pochi minuti sono arrivate sul posto tre pattuglie dell’Arma, con i militari che, pistole in pugno, hanno perlustrato subito la zona nella speranza di arrestare i malviventi in flagrante. Solo alla vista dei lampeggianti loro hanno deciso di scappare, abbandonando gli arnesi da scasso e scavalcando in fretta e furia la recinzione posteriore della casa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

14 Agosto 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000