il network

Sabato 03 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Libera Agricoltori, fumata nera

Si è conclusa con un nulla di fatto la riunione del consiglio generale dell'associazione per l’elezione del nuovo presidente

Libera, fumata grigia

La sede della Libera Associazione Agricoltori

CREMONA - Si è conclusa con nulla di fatto la riunione del consiglio generale della Libera associazione agricoltori cremonesi, convocata ieri mattina nella sede centrale di piazza del Comune per l’elezione del presidente. Il candidato era Renzo Nolli, presidente di Confcooperative Cremona. Ma su questa candidatura non era stato raggiunto un accordo ufficiale tra i consiglieri delle tre liste che compongono il consiglio della Libera. Nolli era stato proposto dal gruppo guidato da Stefano Pasquali. Nella trattativa che aveva preceduto la riunione di ieri non era stato raggiunto un accordo nemmeno sui componenti della giunta. Quindici consiglieri si sono espressi a favore di Nolli ma la maggioranza, composta da 20 consiglieri, ha votato scheda bianca. Non ci sono stati franchi tiratori, nel senso che tutti i consiglieri hanno rispettato le posizioni espresse dalle liste nelle quali sono stati eletti. Non è stato un voto contro Nolli. La mancata elezione dell’attuale presidente di Confcooperative Cremona al vertice della Libera è il risultato dell’impossibilità, almeno in questa fase, di trovare un’intesa tra le varie componenti consiliari. «Considerata la fumata nera con cui è terminata la riunione del nuovo consiglio — commenta Antonio Boselli, commissario della Libera associazione agricoltori cremonesi — ho chiesto e ottenuto dal consiglio una sospensione di 15 giorni. Entro la prima metà di settembre ci troveremo per trovare una soluzione. In questa fase, che resta complicata, rilevo comunque un fatto positivo: non si è votato contro qualcuno. Nolli figurava in due liste, quindi era teoricamente un nome che in consiglio avrebbe potuto trovare una maggioranza. Ritengo che il candidato presidente avrebbe dovuto avere la possibilità di esternare meglio il suo programma».
«A questo punto — conclude Boselli — non resta che cercare altre soluzioni per il bene della Libera associazione agricoltori cremonesi. Vedremo di trovarle alla fine dell’estate».
La Libera è commissariata da un anno.

05 Agosto 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000