il network

Sabato 03 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Delitto Moreni, i pm: 'Paraga è colpevole di omicidio'

Comandante Paraga, estradizione possibile

Fabio Moreni e nel riquadro il comandante Paraga

CREMONA - Nove mesi fa la cattura, a Dortmund, durante un controllo alla dogana dell’aeroporto internazionale. Nelle settimane successive il trasferimento a Brescia, dove la Procura ha ora chiuso le indagini sulla strage di Gornji Vakuf. L’ex comandante paramilitare Paraga è ritenuto l’uomo che ha ordinato l’uccisione di tre volontari: il cremonese Fabio Moreni e i bresciani Sergio Lana e Guido Puletti, uccisi in Bosnia il 29 maggio 1993. L’avviso di chiusura indagini è stato recapitato nel carcere di Canton Mombello dove Paraga, all’anagrafe Hanefija Prijic, è rinchiuso: il sostituto procuratore Silvia Bonardi ha contestato i reati di omicidio, tentato omicidio, sequestro di persona e rapina aggravata dall’uso di arma da fuoco. Il 53enne si è sempre proclamato innocente indicando il cugino Dino, che in Bosnia danno per morto, come esecutore del triplice delitto. L’ex comandante bosniaco ha ora 20 giorni di tempo per rendere interrogatorio o per preparare una memoria difensiva, ma resterà in silenzio. Attende la fissazione dell’udienza preliminare e poi parlerà in aula. Nonostante sia già stato condannato in patria a 13 anni di carcere per la strage di Gornij Vakuf, può essere riprocessato nel nostro Paese.

29 Luglio 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000