il network

Sabato 10 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


IL CASO

Beni confiscati con beffa

I veicoli di un'azienda piacentina (sequestrati alla mafia) erano stati affidati ai vigili del fuoco di Cremona ma sono inutilizzabili

Beni confiscati con beffa

I vigili del fuoco di Cremona

CREMONA - L’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati alla criminalità organizzata (Anbsc) ha destinato ai vigili del fuoco di Cremona parte dei mezzi presenti all’interno di un’azienda piacentina, la Tsa di Calendasco, che è stata sequestrata nel 2009 e confiscata alla mafia. Nello specifico, al palermitano Michelangelo Albamonte. I veicoli in questione, però, al momento non sono stati ritirati: erano in cattive condizioni e i costi di riparazione sarebbero stati troppo alti. L’episodio riporta dunque alla luce le falle di un sistema caratterizzato innanzitutto da lungaggini burocratiche (sono passati ben sette anni dal sequestro dell’azienda alla possibilità di destinare ad enti e associazioni le attrezzature presenti all’interno) e poi dalla mancanza di informazioni certe. Come ad esempio il tipo dei veicoli e le loro condizioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

24 Luglio 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000