il network

Mercoledì 07 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


CREMONA

Botte e rapina tra migranti

Un ivoriano ha aggredito un camerunense ospite della Caritas, via la diaria da 50 euro: preso

Botte e rapina tra migranti

I carabinieri di Cremona in azione

CREMONA - Un’assurda violenza tra poveri. A conferma che non è immune dal male il mondo di coloro che, rimasti senza nulla, se non la speranza di un futuro migliore, vengono aiutati, e non poco, dopo essere approdati in Italia, fuggiti da una guerra, dalla fame, da notevoli difficoltà economiche. E’ quanto accaduto venerdì 22 luglio a Cremona. Un migrante originario del Camerun, da tempo ospite della casa dell’Accoglienza della Caritas, la struttura di via Sant’Antonio del Fuoco guidata da don Antonio Pezzetti, è stato aggredito da un altro migrante, un ventenne proveniente dalla Costa d’Avorio ospite in una struttura protetta di Spinadesco gestita da una cooperativa. Gli ha portato via la diaria di 50 euro, ma è stato preso dai carabinieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

24 Luglio 2016

Commenti all'articolo

  • Antonio

    2016/07/26 - 17:05

    Possiamo o no dire che NE ABBIAMO LE P.... PIENE?!?!

    Rispondi

  • Alessandro

    2016/07/25 - 19:07

    Ringraziamenti a Boldrini , Alf-ano, Kyenge , gli efficientissimi Prefetti, il magnifico Primo Ministro Renzi e naturalmente il Santo Padre per quest'altro bellissimo ulteriore esempio comportamentale di queste nuove migratorie e continue risorse umane di cui il Belpaese non puo' fare a meno per poter continuare a sopravvivere!!! A.A.

    Rispondi

  • vittorio

    2016/07/25 - 09:09

    Cinquanta euro al giorno? Ma sono più di millecinquecento euro al mese! Quanti sono gli italiani che guadagnano tale cifra ? Bisogna fare i turni di notte al lavoro per arrivarci .

    Rispondi

  • enrico

    2016/07/24 - 21:09

    Fatemi capire mio figlio è moltri altri non trovano lavoro e sono dunque a casa e questa diaria da 50€ a cosa è dovuta?

    Rispondi

  • NICOLA

    2016/07/24 - 19:07

    Concordo in pieno con te Andrea. Ma tanto, finché questo insulso popolo bue avrà "panem et circense " (leggasi telefono di ultima generazione, pay TV, aperitivino della sera,etc...) i pupari del mondo sanno bene che non si smuoverà dallo stato di trance che conduce inesorabilmente verso il baratro del non ritorno....e il Piano Kalergi sarà compiuto.

    Rispondi

Mostra più commenti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000