il network

Domenica 04 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Posta, giacenze e caos

La corrispondenza ferma super la tonnellata, situazione drammatica nei paesi del Cremonese e in alcuni quartieri della città

Posta, giacenze e caos

CREMONA - Giacenze sempre più in aumento, ormai superati ampiamente i mille chili posta ferma. La maggior parte è corrispondenza dei paesi limitrofi alla città come Spinadesco, Acquanegra, Sesto ed Uniti, Pieve d'Olmi, Bonemerse, Stagno Lombardo, Gerre de' Caprioli, Corte de' Frati, Dosimo, Sospiro, Pieve San Giacomo, Malagnino, Vescovato, Castelverde e qualche quartiere Cremona. La situazione delle poste, come spiega Paolo Triolo (Slp Cisl), è sempre più drammatica.

"Con una situazione così al collasso - attacca il sindacalista - l'azienda per abbassare le giacenze di posta ferma fa arrivare nella giornata di sabato più di venti persone dalle province di Pavia e Lodi. Personale portalettere in straordinario che non conoscendo il territorio rischia di girare a vuoto nei nostri paesi. Di conseguenza sperpero di soldi e la giacenza non muterà. Una cosa vergognosa.
Sinceramente non si riesce a capire questo accanimento verso Cremona dove fino a ieri il servizio era efficiente. Il personale manca, non è sufficiente neanche a coprire le ferie estive e da lunedì 25 luglio al 23 agosto sciopero delle prestazioni aggiuntive e straordinario".

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

23 Luglio 2016

Commenti all'articolo

  • They

    2016/07/29 - 10:10

    Licenziare qualche dirigente inutile e con il suo stipendio assumere qualche decina di postini!!!

    Rispondi

  • Andrea

    2016/07/24 - 15:03

    .... Le poste trovano sicuramente piu' redditizio e comodo piazzare strumenti finanziari alla rinfusa senza un minimo di cognizione e i risultati si vedono....complimenti

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000