il network

Sabato 10 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Colonie Padane, il Comune accelera

Martedì 19 il dirigente dei lavori pubblici Marco Pagliarini andrà in missione alla Soprintendenza di Mantova per il via libera al rilancio della struttura

Colonie Padane, il Comune accelera

Le Colonie Padane come sono oggi

CREMONA - L’erba è stata tagliata, l’area è stata ‘data formalmente’ in comodato all’Impresa Musi e martedì 19 luglio il dirigente dei lavori pubblici del Comune, Marco Pagliarini, andrà in missione alla Soprintendenza di Mantova per avere il ‘disco verde’ definitivo alla ‘rinascita’ delle ex Colonie Padane. Il comune accelera, conferma l’assessore al territorio Andrea Virgilio, perché crede molto in questo importante intervento finanziato dalla Fondazione Arvedi-Buschini, inserito in una apposita convenzione che prevede il termine dei lavori entro il 30 aprile 2017. Una riqualificazione che rivalorizzerà non solo l’edificio al riva al Po voluto dal gerarca fascista Farinacci per farne la sede estiva delle Colonie elioterapiche e ricreative per l’infanzia, ma anche l’intero parco circostante. Così da riportare tutto il comparto alla sua funzione originaria, attraverso la creazione di un centro ludico ricreativo per la stagione estiva, e da offrire la possibilità alle famiglie di accedere a spazi per svago e relax. Secondo il profilo elaborato dallo studio Arkpabi, degli architetti Giorgio Palù e Michele Bianchi l’area sarà rifunzionalizzata in modo che tutte le nuove installazioni, realizzate con materiali idonei a resistere nel tempo e alle eventuali esondazioni del fiume, siano gestibili con manutenzioni minime e rapidamente rimovibili.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

15 Luglio 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000