il network

Sabato 10 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


POSTA. RISCHIO CAOS

Tagliati altri portalettere

In 8 non confermati, i sindacati prevedono disservizi in tutta la provincia

Tagliati altri portalettere

Un postino al lavoro

CREMONA - L’estate della rabbia e del superlavoro. Dello stop agli straordinari e dei faccia a faccia continui con l’azienda. Ma anche dei disservizi, come dimostrano le lamentele giunte nelle ultime settimane da vari quartieri della città e da molti centri della provincia: da Crema a Casalmaggiore. Del resto, quando i giorni di recapito si diradano (dopo aver tolto, a suo tempo, il sabato) e le chiusure degli sportelli, nell’arco del mese, aumentano, il servizio non può certo migliorare. E le cose sono destinate a peggiorare. Da venerdì scorso, primo luglio, otto degli undici postini assunti a tempo determinato operativi in città sono rimasti a casa. Non è stato loro rinnovato il contratto. Questo, unito al picco delle ferie che si registra tra luglio e agosto, rischia di mandare in crisi di brutto il recapito della corrispondenza. L’estate del 2016 rischia dunque di passare alla storia come una delle più difficili, a Cremona, per quel che concerne i servizi postali. E i sindacati prevedono disservizi in tutta la provincia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

04 Luglio 2016

Commenti all'articolo

  • angelo

    2016/07/04 - 13:01

    il disservizio del "servizio postale italiano" è da tempo che è tale: i bolli aumentano, il servizio peggiora, chiudono sportelli, assumono personale mal pagato e mal istruito al servizio, e quindi? : viva l'Italia in mano ai privati! anna anna

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000