il network

Venerdì 09 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

StraDJvari, Cremona canta e balla nel primo Giovedì d'Estate

Ondata festosa e sgambettante per la dancing night che ha inaugurato la rassegna. Il sondaggio de La Provincia incorona Giovanni Loda, Ronnie Play e Kalì Club

StraDJvari, Cremona canta e balla nel primo Giovedì d'Estate

Piazza Stradivari stracolma per StraDJvari

CREMONA – ‘Everybody dance now!’ è il grido che incendia piazza Stradivari: sono passate le 21.30 di giovedì 30 giugno da pochi minuti quando Andrea Marchesi sale in consolle e innesca il mantra più immaginifico della musica da ballo, in un mix inedito in cui David Bowie e Village People, The Who e Crookers, Bob Sinclar e Black Box dialogano (idealmente) per riannodare i fili del tempo. Il tasto ‘play’ di StraDJvari è premuto: la dancing night che inaugura i Giovedì d’Estate è un’ondata festosa e sgambettante che si muove a ritmo di dance. Tra la folla c'è chi esclama: «Sembra di essere a Rimini!». E altri rilanciano: «Macché! Qui è come a Berlino!». Al netto delle iperboli, Cremona si presenta in una veste più scintillante che mai. Il mega-evento che porta sotto i riflettori un’epopea musicale lunga quarant’anni è un caleidoscopio di ritmi e di suoni che scuote persino i cubetti di porfido che lastricano la piazza intitolata al maestro della liuteria. I 45 dj’s cremonesi ‘convocati’ per il party sfilano uno dopo l'altro ai piedi delle due imponenti colonne di diffusori che dominano il palco: disco music e house, hip-hop e indie dance, rock e dubstep sono le coordinate sonore di un viaggio sonoro che si prolunga fino a notte fonda. E’ il momento delle hit degli anni Novanta, quelle capaci di saldare il gusto del pubblico old school con quello delle nuove generazioni: Michele Mainardi — partner di Marchesi sulle frequenze di Radio Deejay — lascia spazio al set di Albertino. Il boato è da stadio. Il mitico dj, special guest della nottata, scatena la bolgia. E, tutt’attorno l’esordio dei Giovedì d'Estate organizzati da Botteghe del Centro e Ascom diventa un’entusiasmante danza corale. Dopo la mezzanotte tra la calca spunta anche Rudy Zerbi, che si presenta on stage per offrire il suo contributo alla festa. StraDJvari non è un semplice show. E’ la dichiarazione d'intenti di un’intera città che sprigiona voglia di divertimento. La musica è ovunque. Fin dall’ora dell'aperitivo, quando, nell'immediato post-canicola, i dj’s si mettono ai piatti per dare un sapore frizzante al rituale happy hour. La nottata trova anche il modo di lanciare un messaggio di solidarietà: nei led dei braccialetti luminosi realizzati da Enercom e donati alla Onlus Accendi il buio (costituita da genitori di persone autistiche) pulsa il cuore più generoso della città. A ricordare che la musica non è solo svago e spensieratezza, ma anche impegno e altruismo. In scena non possono mancare i dj’s vincitori del doppio sondaggio indetto dal quotidiano la Provincia: i lettori del giornale incoronano Ronnie Play (all’anagrafe Eros Ongari), mentre il popolo del web elegge Giovanni Loda. E poi c’è la lista dei locali più votati, che comprende nomi di culto delle notti cremonesi che spaziano dal Kali Club alla Capannina, dall’Open Space al Mister Time, dal Juliette alla Dogana. Tra i premi assegnati, anche uno speciale riconoscimento per Fabio Santini, decano dei dj di casa nostra.

01 Luglio 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000