il network

Venerdì 09 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


SESTO CREMONESE

Discarica a cielo aperto lungo la Paullese

Lana di roccia, materassi e altri rifiuti abbandonati tra Luignano e Grumello

Discarica lungo la Paullese

I rifiuti abbandonati

SESTO — Giorno dopo giorno la vecchia Paullese si trasforma in una discarica a cielo aperto. Lungo il tratto della ex statale 415 l’ultimo episodio di abbandono rifiuti risale nei giorni scorsi al confine comunale tra Luignano e Grumello, ma ancora nel territorio di Sesto. A due passi dai campi sono stati rinvenuti numerosi involucri contenenti lana di roccia, ma anche materassi, cartoni, stendi biancheria, cesti di vimini, qualche pannello di compensato, un ombrello ormai inservibile e alcuni sacchi. Qualcuno, sicuramente con la complicità del buio, ha svuotato la soffitta e si è liberato delle masserizie nel modo più sbrigativo: scaricandole in aperta campagna. Ricevuta la segnalazione, il comandante della polizia locale Luciano Baccanti e i cantonieri comunali hanno raggiunto la zona e recuperato i rifiuti trasportandoli nella piazzola ecologica di Sesto per essere smaltiti. Naturalmente a spese dei contribuenti sestesi. Prospettiva che non piace affatto alla neo sindaco Francesca Maria Viccardi, che promette tolleranza zero: «L’abbandono di rifiuti è un reato — ricorda il primo cittadino — purtroppo non sorprendendo i responsabili in flagranza non possiamo intervenire con le sanzioni e le denunce previste dalla legge, anche perché agiscono di notte proprio per evitare di essere scoperti. L’ufficiale Baccanti ha già comunque avviato le indagini. Tutti ci auguriamo che si riesca ad identificare i responsabili e a punirli in modo esemplare. Siccome sul territorio i servizi di smaltimento esistono e sono gratuiti, queste forme di inciviltà non sono ammesse».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

18 Giugno 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000