il network

Domenica 11 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Prima evade e poi aggredisce. Arrestato dai carabinieri

Il 30enne marocchino era ai domiciliari, ma è uscito di casa e ha preso a martellate un connazionale. Condannato per direttissima

Prima evade e poi aggredisce. Arrestato dai carabinieri

I carabinieri hanno arrestato il 30enne marocchino

CREMONA - I carabinieri del Nucleo Radiomobile hanno arrestato, nel pomeriggio di venerdì 3 giugno, un marocchino di 30 anni residente in città per evasione dagli arresti domiciliari. L’uomo, che era sottoposto alla misura cautelare per fatti inerenti lo spaccio di sostanze stupefacenti, senza alcuna autorizzazione, si allontanava da casa per incontrare un giovane connazionale con il quale avviava una discussione legata al mancato prestito di denaro con cui avrebbe voluto acquistare stupefacenti. Di conseguenza, i due passavano alle vie di fatto e il detenuto ai domiciliari estraeva un martello con cui colpiva il connazionale al fianco ed alle mani procurandogli lesioni personali giudicate guaribili in sei giorni. La ragazza che si trovava in compagnia del malcapitato, interveniva in sua difesa bloccando l’aggressore riuscendo a togliergli il martello dalle mani ed avvisare il 112. Sul posto intervenivano prontantemente i militari che, acquisito quanto accaduto, provvedevano a rintracciare B.K. traendolo in arresto per evasione e lesioni personali. Nella mattinata di sabato 4 giugno presso il tribunale di Cremona si è tenuto rito direttissimo, al termine del quale B.K. è stato condannato alla pena di un anno e due mesi di reclusione con conseguente applicazione di misura cautelare in carcere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

04 Giugno 2016

Commenti all'articolo

  • Nicola

    2016/06/04 - 18:06

    Abbattetelo, essere inutile e dannoso.

    Rispondi

  • mario

    2016/06/04 - 15:03

    L'articolo mi sembra tanto frutto di un "copia e incolla" del verbale scritto dai Carabinieri.... lo stile è quello....

    Rispondi

  • enrico

    2016/06/04 - 13:01

    Ma rimandarlo in Marocco costa meno che mantenerlo in carcere!

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000