il network

Sabato 10 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Tentata rapina a prostituta, arrestato 26enne tunisino

Il nordafricano è ospite della Casa dell'Accoglienza, condannato per direttissima a 6 mesi di reclusione con pena sospesa

Tentata rapina a prostituta, arrestato 26enne tunisino

Pattuglie dei carabinieri in azione

CREMONA - I carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Cremona, nella notte tra venerdì 13 e sabato 14 maggio, hanno arrestato in flagranza di reato un cittadino tunisino, S.Z. di 26 anni, residente presso la Casa d’Accoglienza di via San Antonio del Fuoco di Cremona, poiché responsabile di tentata rapina. Il nordafricano, verso le ore 23, in stato d’alterazione per l’abuso di sostanze alcoliche, raggiungeva a piedi la via Mantova dove alcune ragazze dell’Est sono dedite alla prostituzione all’interno dell’area di servizio IP. Qui avvicinava una di esse e, minacciandola di morte, si faceva consegnare il telefono cellulare e la borsetta. Ne nasceva un’aggressione e la donna veniva colpita al volto con un pugno, consentendo al tunisino di guadagnare la fuga. Allertato prontamente, l’equipaggio del Nucleo Radiomobile in turno, avuta la descrizione dell’aggressore, iniziava un’attività di ricerca a tappeto delle vie circostanti finché l’uomo veniva notato accovacciato dietro un muretto in via Antiche Fornaci. Dopo un inseguimento a piedi, il nordafricano veniva catturato e addosso rinvenuta la refurtiva, subito restituita alla donna. La stessa, medicata presso l’ospedale di Cremona, riportava lesioni lievi alla spalla guaribili in pochi giorni. Nella mattina di sabato 14 maggio, innanzi il Tribunale di Cremona, si è svolto rito direttissimo e il nordafricano è stato condannato a 6 mesi di reclusione con pena sospesa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

14 Maggio 2016

Commenti all'articolo

  • DAVIDE

    2016/05/14 - 21:09

    Rimpatrio immediato, cosa ce ne facciamo di tal galantuomo?

    Rispondi

  • Antonio

    2016/05/14 - 18:06

    L'ennesima risorsa sul nostro territorio....

    Rispondi

  • Nicola

    2016/05/14 - 15:03

    Perché, pensate che questo... si penta? Purtroppo la maggior parte di questi"invadenti" sono così. È necessario rigore e durezza. Ma guardate solo in centro quanti vendono roba contraffatta con estremo relax! Guardate quello che letteralmente a 10 mt.dal duomo, occupa una galleria con la sua merce..... Ma i vigili non passano mai di lì......?

    Rispondi

  • enrico

    2016/05/14 - 15:03

    Vedete cosa non va 6 mesi pena sospesa accolto alla casa dell'accoglienza perché in Tunisia c'è forse una guerra in atto? La cosa giusta era il rimpatrio.

    Rispondi

    • carmen

      2016/05/14 - 18:06

      ma quanto mai .....potevano evitare di fare il direttissimo e spedirlo in Tunisia per direttissima ......di queste risorse possiamo farne a meno

      Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000