il network

Sabato 03 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Gian Firetti, il monologo teatrale lascia senza parole gli spettatori

"Sono venuto all’hospice per affrontare i miei ultimi giorni. So che non tornerò più a casa, che quello di oggi è un saluto a tutti gli effetti"

Gian Firetti, il monologo teatrale lascia senza parole gli spettatori

Gian Firetti e la sala Bolognini del Seminario

CREMONA - «Sono venuto all’hospice per affrontare i miei ultimi giorni. So che non tornerò più a casa, che quello di oggi è un saluto a tutti gli effetti. Temo che i barellieri stiano faticando troppo a portarmi in ospedale, dovrei scusarmi con loro. Ma come sarà davvero la morte?». Le parole di un ventenne, malato terminale, che risuonano nella coscienza di tutti. Questa è la vera forza di Gianluca Firetti, il ragazzo di 20 anni di Sospiro stroncato da un osteosarcoma fulminante il 30 gennaio 2015. Una forza interiore contro il male, la sua, che è stata protagonista del monologo teatrale ‘Spaccato in due’, andato in scena lunedì 9 maggio e replicato martedì 10 nella sala Bolognini del Seminario di Cremona.

La scena che si apre con un video. Il debutto è senza musica, e sono alcune immagini a parlare ai quasi quattrocento spettatori che hanno gremito la sala. Poi, la prima scena con un leggero sottofondo che a modo suo prova a sintetizzare le emozioni che si fanno sempre più dense tra il pubblico. Una sequenza di battute, che vedono Federico Benna, insegnante e attore, supportato da Danio Belloni, vestire i panni di don  Marco d’Agostino, il sacerdote cremonese che ha seguito Gian fino alla fine.

10 Maggio 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000