il network

Sabato 03 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Racket dell'immigrazione. Scacco alla 'mafia indiana'

Tra gli stranieri finiti in manette c’è anche Gurjeet Singh, detto ‘Jetta’, il 29enne residente a Robecco d’Oglio

Racket dell'immigrazione. Scacco alla 'mafia indiana'

L'arresto di Gurjeet Singh

CREMONA - Una vera e propria ‘associazione per delinquere’ strutturata in modo piramidale, attiva su più fronti — dalla gestione dell’immigrazione clandestina al racket dei trasporti gestito dai padroncini fino al rilascio di patenti false — e organizzata con metodi mafiosi per controllare la manodopera indiana: era radicata nel Bresciano, principalmente nella Bassa, ma aveva diramazioni anche nel Cremonese, nel Pavese e nella provincia di Pordenone ed è stata disarticolata dalla polizia della città della Leonessa con dieci provvedimenti di cattura, nove eseguiti giovedì 28 aprile e uno ancora da effettuare, con uno degli asiatici ricercati, perché ritenuto elemento del gruppo, irreperibile e quindi ora, a tutti gli effetti, latitante. E tra gli stranieri finiti in manette su richiesta del pubblico ministero Lara Ghirardi, c’è anche Gurjeet Singh, detto ‘Jetta’, il 29enne residente a Robecco d’Oglio e già in carcere, con l’accusa di ricettazione, perché ritenuto l’armiere di chi lo scorso agosto uccise Francesco ‘Frank’ Seramondi e la moglie Giovanna Ferrari, 67 e 65 anni, freddati con un fucile Breda a canne mozze nella loro pizzeria di via Val Saviore, alla Mandolossa.

29 Aprile 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000