il network

Domenica 11 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


SONCINO

Scampata ai colpi di fucile, la micia è tornata a casa

Notizie incoraggianti anche per l'altro felino rimasto colpito dagli spari di un soncinese: l'uomo sarà processato per maltrattamenti, sparo in luogo pubblico e porto abusivo di coltelli

Scampata ai colpi di fucile, la micia è tornata a casa

Alice, la micia scampata ai colpi di fucile

SONCINO - «E’ tornata a casa, sta bene e ora sta riposando dopo un forte spavento» sono le parole commosse di Anna Morra, proprietaria della gattina Alice, il cucciolo scampato alla fucilazione nei giorni scorsi, dopo che un residente del villaggio ‘I Giardini dell’Arcus’, infastidito dalla sua presenza e da quella di un altro gatto, ha improvvisamente aperto il fuoco per uccidere i due mici. Ha solo qualche ferita alla gamba la piccola Alice che, visibilmente impaurita, è tornata martedì 26 aprile di fronte alla porta di casa.

Notizie incoraggianti arrivano anche per quanto riguarda l’altro felino, ‘amico’ della gattina ritrovata. Non si tratta infatti di un randagio, come le forze dell’ordine e alcuni testimoni avevano ipotizzato, ma del gatto domestico di una donna che abita a poche case di distanza e che l’aveva smarrito.

Il responsabile del folle gesto è un vicino, che è già stato catturato dai militari soncinesi e sarà processato a Cremona per maltrattamenti, sparo in luogo pubblico e porto abusivo di coltelli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

26 Aprile 2016

Commenti all'articolo

  • mario

    2016/04/27 - 11:11

    Mi sarebbe interessato approfondire di più gli aspetti legati alle conseguenze sul piano psicologico e comportamentale subite dal povero felino, magari riportando una testimonianza diretta della vittima di questo efferato crimine....

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000