il network

Venerdì 02 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


ORZINUOVI

'Arrivo di presunti profughi', la Lega Nord si indigna

Federica Epis: così si discriminano i poveri e gli ammalati orceani

'Arrivo di presunti profughi', la Lega Nord si indigna

Federica Epis e Mario Giordano

ORZINUOVI - «Case gratis, tre pasti al giorno, vestiario, assistenza medica e psicologica, schede telefoniche, consulenze giuridiche, ma anche tutti gli elettrodomestici e pure la mancetta giornaliera e molto altro. Sono forse i benefit per dei politici ladroni? O sono forse i servizi sociali per i poveri e per gli ammalati di Orzinuovi? Niente affatto! Tutto questo a Orzinuovi viene dato gratis, a spese dei contribuenti, a gente che è entrata illegalmente entro i confini dello Stato italiano».

Lo dichiara Federica Epis, segretario della Lega Nord, in merito all'arrivo di alcuni presunti profughi a Orzinuovi. Da alcuni giorni hanno trovato accoglienza due coppie, altre ne arriveranno a maggio. «Tutti coloro che a vario titolo partecipano, incrementano o guadagnano da questo meccanismo perverso di cosiddetta “accoglienza” si sono resi colpevoli di razzismo. Razzismo verso il prossimo, verso i nostri fratelli orceani, verso chi ha sempre pagato le tasse, verso chi al pari di questi presunti profughi tende ogni giorno la mano in Comune sperando invano di ricevere qualcosa. Persino io – prosegue Epis - che sono solo un semplice segretario cittadino della Lega ricevo ogni settimana telefonate e richieste di aiuto da parte di gente che piange perché non ha più niente. La nostra gente piange e soffre. Eppure i buonisti da quattro soldi e i “democratici” pensano solo agli stranieri».

«Penso che ognuno sia libero di fare beneficenza a chi vuole, e se davvero ai nostri fratelli orceani qualcuno preferisce il resto del mondo è libero di aiutarlo, è una scelta legittima, ma deve pagare coi propri soldi, non coi soldi della collettività. I soldi pubblici devono essere usarti per i cittadini, non per gli stranieri. Tanto più che questi il più delle volte, documenti alla mano – conclude Epis - si rivelano degli impostori clandestini».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

20 Aprile 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000