il network

Giovedì 08 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Canile, gli animalisti chiedono lumi

Occhi puntati sul bando, nota diffusa dall'Associazione Una

Canile, gli animalisti chiedono lumi

Una pattuglia all'esterno del canile

CRONACA - «Siamo rimasti sconcertati, ma in fondo nemmeno troppo stupiti, nell’apprendere che il cosiddetto ‘canile vecchio’, parte del funzionante canile in gestione all’Associazione Zoofili Cremonesi, sia stato venduto a un panificio che fa capo al figlio di Cheti Nin, salita alla ribalta delle cronache — non soltanto locali — come una delle imputate e condannate (2 anni e 2 mesi, in primo grado) per le note vicende di uccisione di animali al canile stesso». Inizia con queste parole la nota diffusa ieri dalla sezione cremonese dell’Associazione Una (Uomo-Natura-Animali) in merito agli sviluppi riguardanti il Rifugio del cane della città.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

10 Aprile 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000