il network

Lunedì 21 Maggio 2018

Altre notizie da questa sezione

in corso:

Blog


CREMONA

Canile, gli animalisti chiedono lumi

Occhi puntati sul bando, nota diffusa dall'Associazione Una

Canile, gli animalisti chiedono lumi

Una pattuglia all'esterno del canile

CRONACA - «Siamo rimasti sconcertati, ma in fondo nemmeno troppo stupiti, nell’apprendere che il cosiddetto ‘canile vecchio’, parte del funzionante canile in gestione all’Associazione Zoofili Cremonesi, sia stato venduto a un panificio che fa capo al figlio di Cheti Nin, salita alla ribalta delle cronache — non soltanto locali — come una delle imputate e condannate (2 anni e 2 mesi, in primo grado) per le note vicende di uccisione di animali al canile stesso». Inizia con queste parole la nota diffusa ieri dalla sezione cremonese dell’Associazione Una (Uomo-Natura-Animali) in merito agli sviluppi riguardanti il Rifugio del cane della città.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

10 Aprile 2016