il network

Martedì 06 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Dialogo in nome della verità

Don Carròn e Bertinotti in sintonia: l'uomo al centro. Il capo di Cl ha presentato il suo libro 'La bellezza disarmata'

Dialogo in nome della verità

Fausto Bertinotti, don Julìan Carròn e Paolo Mirri

CREMONA — Duomo strapieno nella serata di giovedì 7 aprile per un singolare incontro, meglio un confronto, sulla bellezza. Quella della fede, per chi crede, quella della vita (nonostante le difficoltà) per chi non crede. Da una parte don Julián Carrón, responsabile di Comunione e Liberazione da dieci anni, dopo la scomparsa del fondatore, don Luigi Giussani. Dall’altra Fausto Bertinotti, politico di lungo corso, che cita ancora Gramsci e se la prende con il capitalismo, ma non disdegna la lettura delle encicliche di Francesco. Nel mezzo il vescovo Antonio Napolioni, che questo ‘dialogo’ ha voluto avvenisse appunto in cattedrale: «La nostra splendida chiesa è il luogo ideale della ricerca, le omelie non sono qualcosa che devono fare i preti, ma devono coinvolgere il popolo». E appunto ‘La bellezza disarmata’, il libro di Carrón, è stata l’occasione per questa stimolante e corale riflessione: come ha ricordato Paolo Mirri, responsabile provinciale di Cl, è un libro che risponde alle domande dell’uomo di oggi, che cerca il senso della vita, che cerca i valori che altrimenti vanno perduti, che crede nell’uomo, anche quello apparentemente ‘lontano o indifferente’. E la bellezza del musica dei giovani alunni della Sacra Famiglia, diretti dal maestro Giovanni Grandi, ha preparato la folla di presenti, tra cui la vicepresidente della Corte Costituzionale, Marta Cartabia, all’ascolto.

08 Aprile 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000