il network

Giovedì 08 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Sottopasso di via Brescia: "Ora è un'opera sicura'

Il Pd contrattacca con un documento per rispondere alle accuse

Sottopasso di via Brescia:

Il sottopasso di via Brescia

CREMONA - Il sottopasso di via Brescia sempre al centro dello scontro politico. A tal punto che il Pd, il principale partito della coalizione al governo del Comune, è ricorso a una mossa inusuale: un volantino, intitolato ‘Facciano un po’ di chiarezza’ e distribuito nel quartiere di san Bernardo, in cui si difendono i lavori delle polemiche. Si comincia con una domanda: ‘Chi ha progettato l’opera?’. Risposta: ‘L’amministrazione Perri, insieme con tutti gli altri sottopassi (via Persico e San Felice), accedendo al co-finanziamento da parte di Rfi e Regione Lombardia finalizzato all’eliminazione dei passaggi a livello lungo la linea Cremona-Mantova’.

Altro capitolo: ‘Il sottopasso di via Brescia è troppo ripido, è troppo basso… Per accedere al finanziamento l’amministrazione precedente ha consegnato alla Regione il progetto definitivo con la precisa indicazione delle misura (altezza e larghezza del manufatto) e delle pendenze determinate dalla caratteristiche dei luoghi e dalla presenza del Cavo Cerca e del Cavo Ribecco’. Poi, in neretto nel testo: ‘Una volta approvato, il progetto non era più modificabile, pena la perdita dell’intera quota di con finanziamento regionale prevista dall’eliminazione dei passaggi a livello (con il conseguente, enorme danno per le casse del Comune’. Da ieri a oggi e alle ‘scelte della nuova amministrazione. In sintesi, ‘ si è puntato sulla sicurezza, la fluidificazione del traffico, un collegamento ciclopedonale protetto con il centro storico, pur restando entro i limiti delle misure previste dal progetto finanziato’.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

08 Aprile 2016

Commenti all'articolo

  • sergio

    2016/04/07 - 15:03

    E ALLORA PERCHE' AVETE CAMBIATO IL PROGETTO? Senza nemmeno mai, dico MAI, provare il doppio senso? Non c'è proprio niente da fare, non concepite la possibilità di sbagliare, l'autocritica non sapete cos'è e la prepotenza è dentro di voi. VOI è la giunta, il PD cremonese e la lista del sindaco.

    Rispondi

  • Alessandro

    2016/04/07 - 11:11

    Quindi con quel volantino il Pd ha ammesso di dover restituire i soldi alla Regione, infatti: "Una volta approvato, il progetto non era più modificabile, pena la perdita dell’intera quota di con finanziamento regionale....". Un'altra cosa che mi incuriosisce: per caso il progetto approvato non era sicuro? non fluidificava il traffico? La dimostrazione di quanto affermato dove sarebbe? Grazie

    Rispondi

  • 2016/04/07 - 09:09

    ovviamente la solita risposta della sinistra:è colpa dell'amministrazione/governo precedente!!!!!é colpa di Giolitti,di Garibaldi,di Cavour...................

    Rispondi

  • 2016/04/07 - 09:09

    lo vede anche un bambino che è una schifezza urbanistica senza eguali.................e quanto è costata!!!!!!!

    Rispondi

  • Antonio

    2016/04/07 - 09:09

    E del fatto che forse i finanziamenti regionali grazie a questa giunta li perderemo non si fa menzione? E poi della controversia sui costi di realizzazione grazie alle modifiche sempre volute da questa giunta che ancora devono essere pagati? La chiarezza si, ma non è della giunta Galimberti!

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000