il network

Mercoledì 07 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


CREMONA

Truffe, banda di nomadi in azione, attenzione a Megane nera

Appello dei carabinieri agli anziani: non aprite la porta a nessuno

Truffe, banda di nomadi in azioneattenzione a una Megane nera

Pattuglie dei carabinieri nel cortile della caserma santa Lucia

CREMONA - Un colpo a Ca’ d’Andrea, nel Casalasco. Un altro a Sabbioneta, il centro del Mantovano subito oltre il confine provinciale. Una terza e una quarta incursione, pressoché identiche, a Gabbioneta Binanuova e a Spinadesco. Tutto nell’arco degli ultimi tre giorni. Altri raggiri andati a vuoto per un niente, per una reazione in extremis delle persone prese di mira, a Piadena e a Pozzaglio. A completare il quadro, già pesante, le segnalazioni e i timori, per non dire la certezza, che il bersaglio grosso ora sia Cremona, con le sue periferie e i palazzi dove vivono, spesso soli, tanti anziani, la fascia più indifesa quando si ha a che fare con questi reati odiosi tramite i quali si arraffano, in pochi minuti, oggetti di valore e denaro custodito in casa, razzie che a volte fruttano decine di migliaia di euro. L’appello lanciato dal comando della compagnia carabinieri di Cremona dal maggiore Livio Propato fa capire in maniera esplicita la dimensione dell’ultima offensiva dei malviventi specializzati in questo genere di colpi. Si tratta di una banda di nomadi che si muove quasi sempre a bordo di una Renault Megane di colore nero con targa clonata (come appurato dagli stessi militari). Nella gran parte dei casi i malviventi riescono a farsi aprire la porta e a convincere l’anziano di turno a mettere gioielli, oro, oggetti di valore e denaro dentro il frigorifero, per preservarlo da una ‘contaminazione’ veicolata dai tubi dell’acqua. In altri casi i malviventi arrivano a presentarsi come carabinieri in azione su mandato del Comune, per condurre verifiche sempre sugli impianti oppure sulla documentazione relativa alle utenze. Se l’approccio può variare, l’obiettivo è sempre lo stesso: mettere le mani su denaro, titoli e oggetti di valore per poi svanire nell’arco di pochi istanti.

20 Marzo 2016

Commenti all'articolo

  • 2016/03/21 - 10:10

    certo però che aprire la porta a degli sconosciuti e pure rom che dicono che hai i gioielli contaminati...............mizz questi son meglio persino di Wanna Marchi però

    Rispondi

  • Giorgio

    2016/03/20 - 14:02

    Colpire Megane nera con missile terra/aria!

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000