il network

Mercoledì 07 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Monete antiche, condannati commercialista e orefice

Sentenza ribaltata dalla Corte d'Appello di Brescia e reato riqualificato da truffa aggravata in appropriazione indebita

monete d'oro

CREMONA - Commercialista lei, orefice lui, nel giudizio di primo grado erano stati assolti dall'accusa di truffa aggravata in relazione alla vendita di monete antiche da parte di Paolo e Piera, fratello e sorella di Busseto, lui cliente della professionista. La sentenza è stata ribaltata dalla corte d'appello di Brescia, che nel riqualificare il reato di truffa aggravata in quello di appropriazione indebita aggravata, ha condannato a nove mesi di reclusione ciascuno, Pierangela Stifanelli e i Ivan Bodini, quest'ultimo gioielliere di Piadena all'epoca dei fatti, nel 2009. Entrambi sono stati inoltre condannati a risarcire ai fratelli, parte civile, 50mila euri di danni (una provvisionale). L'avvocato Vito Castelli per la commercialista, e gli avvocati Annamaria Petralito e Paola Gerola per il gioielliere, attendono di leggere la motivazione della sentenza (la corte si è presa 45 giorni) per valutare il ricorso in Cassazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

17 Marzo 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000