il network

Venerdì 09 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


PERSICO DOSIMO

Pioppi via, il quartiere protesta

Mugugni e critiche a Persichello. Il sindaco: analizzati e trovati a rischio per cittadini e case, ripiantumeremo

Pioppi via, il quartiere protesta

Le potature al centro della polemica a Persichello

PERSICO DOSIMO — Addio a venti pioppi cipressini che si trovano di fianco al parco di via don Milani a Persichello. La decisione è stata presa dall’amministrazione comunale dopo la perizia di un agronomo che ne certificava la pericolosità.
Un provvedimento che ha messo in subbuglio alcuni residenti del quartiere. «Teniamo alle nostre piante — hanno detto — e non capiamo che necessità ci sia di tagliarli in modo così radicale. Per di più l’amministrazione si affida ad un gruppo di volontari per effettuare queste potature».
Parole che il primo cittadino Fabrizio Superti rispedisce al mittente. «Il taglio dei rami e dei tronchi — ha spiegato — è stato effettuato da una ditta specializzata. I volontari hanno solo provveduto alla rimozione delle ramaglie che sono state ammassate nell’area verde. Anzi vorrei ringraziare queste persone che metto a disposizione il proprio tempo a favore della comunità consentendo all’amministrazione di contenere i costi».
Ma torniamo ai motivi che hanno portato il Comune a decidere di tagliare drasticamente questo filare di venti pioppi cipressini. «Si tratta di alberi — prosegue Superti — che sono stati posizionati in questa zona una quindicina di anni fa. Purtroppo questa tipologia di piante non è adatta per crescere in aree verdi così delimitate, vicine alle abitazioni e a un parco giochi per bambini. Dalla perizia dell’agronomo risulta che erano molto pericolose anche in virtù del fatto che le radici non erano saldamente ancorate al terreno ma superficiali. Erano piante molto alte e, alcune case nelle vicinanze, ci hanno più volte sollecitati per la messa in sicurezza. Negli anni passati abbiamo cercato di potarle e di limitarne la crescita, ma l’unica soluzione era quella di toglierle. Basta guardare i tronchi e si nota che sono compromessi. Considerando anche l’imponenza delle piante, per fare questo intervento ci siamo così affidati ad una ditta specializzata che ha operato in tutta sicurezza e con apparecchiature idonee. Al momento sono stati tagliati tutti i rami e una parte del tronco. Nelle prossime settimane verrà ultimato l’intervento. Compatibilmente con le risorse a disposizione inoltre abbiamo intenzione di ripiantumarle. Il prossimo anno sono già in programma una serie di verifiche per la messa in sicurezza di tutte le zone verdi del paese».

27 Febbraio 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000