il network

Martedì 06 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA, DELITTO DI VIA BRENTI

Marini, davanti al gip: disposta la custodia cautelare in carcere

Interrogatorio di garanzia per l'uomo che ha ucciso la moglie malata, per il momento rimane in ospedale

Ernestina e Libero volevano morire insieme

Ernestina Chiari e il marito Libero Marini

CREMONA - Libero Marini - l'uomo nella notte tra venerdì 12 e sabato 13 febbraio ha ucciso la moglie, Ernestina 'Bianca' Chiari, gravemente malata con una coltellata alla gola - martedì 16 febbraio è stato interrogato per due ore dal gip Letizia Platè.

Il giudice ha disposto la custodia cautelare in carcere, ma, almeno per il momento, Marini (difeso dall'avvocato Carlo Alquati) rimane in ospedale dove è ricoverato dalla mattina del 13 febbraio. L'uomo, durante l'interrogatorio di garanzia, ha ribadito la tesi fino ad ora espressa. Ovvero, che i coniugi, a causa della malattia della moglie, si erano ripromessi di morire insieme. Quando la moglie si è addormentata, il marito l'ha colpita, ma successivamente gli è mancata la forza per togliersi la vita nonostante fosse uscito per acquistare acido muriatico e avesse trovato il supermercato chiuso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

16 Febbraio 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000