il network

Mercoledì 07 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


AMBIENTALISTI MOBILITATI

Trivellazioni dal Cremonese all'Oglio Po, presentata domanda al ministero

La società Pengas Italiana vuole ricercare idrocarburi nel sottosuolo nelle province di Cremona e Mantova, in un territorio di 36mila ettari. Raccolte firme contro la richiesta

Trivellazioni dal Cremonese all'Oglio Po, presentata domanda al ministero

La richiesta della Pengas Italiana Rsl

La società Pengas Italiana il 19 dicembre 2015 ha presentato domanda al ministero dello Sviluppo economico (domanda integrata il 27 gennaio scorso) per ricercare idrocarburi nel sottosuolo nelle province di Cremona, Mantova, in un territorio di 36mila ettari. La notizia è stata resa nota dal deputato del Movimento 5 Stelle Alberto Zolezzi. La concessione prende il nome di ‘Gussola’, ma ricomprende Comuni fino Sospiro e Pieve San Giacomo e, nel Casalasco, Torre de’ Picenardi, Piadena e Casalmaggiore: in tutto circa un terzo della provincia, trentuno Comuni, 28 cremonesi e i mantovani Sabbioneta, Bozzolo e Rivarolo Mantovano. L’iter autorizzativo è stato avviato con l’intento di incrementare l’uso del sottosuolo per la ricerca e probabilmente la gestione di pozzi o forse stoccaggi di metano. La società Pengas Italiana, presieduta da Luigi Cacchioni, è stata costituita nel 2006 con 120mila euro di capitale versato e, oltre al presidente (30,83%) ha altri quattro soci: Godwin Debono (30,83%), Cuda servizi tecnici di Novara (30%) e Massimo Malpassi (8.33%) ed è già titolare infatti del permesso di ricerca di metano e petrolio Calcio, fra le province di Bergamo, Brescia e Cremona, ed è attiva in Basilicata, a Masseria Viorano. Ha inoltre chiesto al ministero di iniziare carotaggi anche in provincia di Parma. La mobilitazione delle associazioni ambientaliste è già iniziata, allo scopo di fermare le trivellazioni in tutta Italia mediante un referendum. La raccolta firme potrà iniziare in primavera.

10 Febbraio 2016

Commenti all'articolo

  • renzo

    2016/02/10 - 10:10

    Chi e' contro, si prenda sulle spalle le conseguenze. Immaginiamo che sotto ci sia gas,orbene le loro case rimangano allacciate a gas estero, con costo m/ cubo maggiore rispetto a quello.pagato col.gas "nostrano". Purtroppp questi NIMBY sono sempre contro, ma poi beneficiano.ugualmente di quello che osteggiano. Pensate al.rigassificatilore non voluto a Brindisi da Vendols, ai pugliesi il.gas metano.lo farei pagare il.triplo rispetto alla media nazionale.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000