il network

Sabato 10 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Stroncata fiorente attività di spaccio, otto persone arrestate

Importante operazione della guardia di finanza: nell'organizzazione criminale le donne ricoprivano un ruolo determinante

Stroncata fiorente attività di spaccio, otto persone arrestate

CREMONA - Stroncata dalla guardia di finanza una fiorente attività di spaccio di droga.

L'operazione, denominata 'drug surgery', è scattata nella giornata di lunedì 8 febbraio. I finanzieri di Cremona hanno messo fine all’attività criminale di un gruppo italiani, albanesi e rumeni dedito all’importazione dall’Albania di consistenti quantitativi di eroina e cocaina, destinati allo spaccio in ambito locale.

L’operazione ha permesso di trarre in arresto su ordinanze di custodie cautelari del Gip di Cremona complessivamente 8 soggetti e di rinvenire e sequestrare circa 1,5 chilogrammi di eroina e cocaina, telefoni e bilancini di precisione, nonché di denunciare alla Procura numerosi piccoli spacciatori, alcuni dei quali insospettabili.

L’indagine, coordinata dal sostituto procuratore Carlotta Bernardini e condotta dal nucleo di polizia tributaria, è iniziata nei primi mesi dell’anno 2015, a seguito dell’attività investigativa e di controllo del territorio cremonese, che aveva consentito di constatare un sensibile aumento della disponibilità, da parte dei consumatori sia abituali che sporadici, di sostanze stupefacenti definite “pesanti”.

L’attività, supportata da numerosi appostamenti e pedinamenti, ha permesso di individuare tutti i soggetti coinvolti nello spaccio “al minuto”, alcuni dei quali arrestati nel corso dei mesi precedenti con significativi quantitativi di sostanza stupefacente, e ricomporre il quadro dell’organizzazione del traffico di droga.

È stato constatato come i responsabili dell’organizzazione preferissero i siti molto affollati come luogo della consegna della droga: centri commerciali, complessi ospedalieri, stazioni di rifornimento, centri di autolavaggio. Senza trascurare ogni più piccola opportunità di esercitare l’illecito commercio, come è il caso di un soggetto sottoposto al regime degli arresti domiciliari che, per spacciare, approfittava dell’ora di libertà concessa per attendere alle esigenze quotidiane.

L’aspetto singolare che è emerso è il livello di partecipazione delle componenti femminili dell’organizzazione: le compagne di alcuni degli arrestati infatti rivestivano un ruolo rilevante sia nel confezionamento ed occultamento delle dosi da spacciare, che come schermo e copertura nel corso delle operazioni di consegna; su un caso una di esse, in compagnia del proprio bimbo di 6 anni, si è recata all’ingresso del complesso Ospedaliero di Cremona (da qui deriva il nome dell’operazione) al fine di effettuare la consegna di oltre un chilo di eroina.

I destinatari delle misure cautelari sono: Artan Cafuli di anni 34 (di nazionalità albanese - ordinanza di custodia cautelare in carcere), Riza Iliri di anni 32 (di nazionalità rumena - agli arresti domiciliari), Lorenc Basha di anni 37 (di nazionalità albanese - ordinanza di custodia cautelare in carcere), Iuliana Adam. di anni 31 (di nazionalità rumena - agli arresti domiciliari), Edoardo Balestreri di anni 62 (di nazionalità italiana - agli arresti domiciliari), Stefano Finardi di anni 43 (di nazionalità italiana - ordinanza di custodia cautelare in carcere), Zeqo Kallashi di anni 25 (di nazionalità albanese - ordinanza di custodia cautelare in carcere), Ionela Radu di anni 36 (di nazionalità albanese - ordinanza di custodia cautelare in carcere).

08 Febbraio 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000