il network

Venerdì 09 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Marocchino aggredisce poliziotti, arrestato per lesioni

L'uomo, classe 1979, ha minacciato il prete di Borgo Loreto pretendendo denaro. Poi ha picchiato un ispettore della polizia e gli agenti della volante intervenuti per calmarlo

Marocchino aggredisce poliziotti, arrestato

Una volante della polizia

CREMONA - Un marocchino, S.A. classe 1979, è stato arrestato dalla polizia per resistenza e lesioni nei confronti di tre poliziotti (tutti medicati al pronto soccorso con referto di 7 giorni). Il fatto è accaduto nel pomeriggio di lunedì 25 gennaio, quando l'uomo si è recato all'oratorio di Borgo Loreto pretendendo denaro dal prete. Il sacerdote ha negato i soldi, offrendo all'extracomunitario del cibo; il marocchino ha cominciato ad urlare, attirando l'attenzione di un ispettore di polizia fuori servizio che si trovava nelle vicinanze dell'oratorio. Il poliziotto è andato in aiuto del prete ma, capito che la situazione non si placava, ha chiamato la 'volante'. L'extracomunitario, dopo aver minacciato prete e poliziotti, ha preso per i capelli l'ispettore sbattendogli la testa contro il cancello dell'oratorio, aggredendo poi anche gli agenti intervenuti in soccorso. A quel punto è scattato l'arresto, mentre un secondo marocchino (S.R. classe 1975, anch'egli residente in città), intervenuto a sostegno del connazionale, è stato denunciato per minacce.

26 Gennaio 2016

Commenti all'articolo

  • Andrea

    2016/01/27 - 23:11

    Intervenuti per calmarlo......??????? Ma siamo su scherzi a parte....???????

    Rispondi

  • sergio

    2016/01/27 - 11:11

    Ammiro e stimo il sangue freddo e la professionalità degli agenti intervenuti e di quello (fuori servizio) che ha tentato la via conciliativa prima di chiamare i colleghi. Di fronte alla violenza subita non hanno reagito altrettanto violentemente. Magari tutti noi ci diciamo che una man di botte se la sono proprio cercata, ma chi sta dalla parte della ragione usa altri criteri. Ora però ci vuole un segnale da parte della magistratura per renderci sicuri della certezza della pena. Che per essere giusta deve anche essere rapida

    Rispondi

  • Paolo

    2016/01/26 - 17:05

    Si pretende di combattere una guerra con il Codice Penale, i giudici , gli avvocati e le carte bollate. La situazione è ormai insanabile! L'Italia non possiede più gli anticorpi per questa ed altri tipi di minacce alla nostra civiltà che si sfascerà prima che la popolazione ne prenda coscienza.

    Rispondi

  • dario

    2016/01/26 - 16:04

    Questa è l'Italia di renzi e dei cattocomunisti. Ai cremonesi non dispiace visto per chi hanno votato....

    Rispondi

  • Nicola

    2016/01/26 - 14:02

    Nessuna tolleranza contro questi bastardi!

    Rispondi

Mostra più commenti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000