il network

Lunedì 05 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


SONCINO

Monossido, famiglia scampa alla morte

Senza soldi per pagare il metano, installano una stufa a legna artigianale: salvi genitori e due figli piccoli

Monossido, famiglia scampa alla morte

La via di Soncino in cui risiede la famiglia indiana

SONCINO - Morte da avvelenamento scampata in extremis per una famiglia del borgo che, nel pomeriggio di sabato 9 gennaio, è stata salvata dal provvidenziale intervento dei vigili del fuoco di Crema e dei carabinieri del comandante Paolo Rosin.
L’aria dell’abitazione, secondo quanto affermato dai vigili del fuoco intervenuti, era satura di monossido di carbonio.

Nell’appartamento, con il padre di famiglia, immigrato regolare indiano, anche la moglie e due figli piccoli. Privato del gas, non essendo in grado di pagare le bollette, l’uomo, pur di proteggere dal freddo i suoi cari, è ricorso a un rischioso escamotage, realizzando con le sue mani un impianto di riscaldamento artigianale. 

Sono stati i vicini di casa, coinquilini nel condominio, ad allertare il proprietario dell’immobile del quale la famiglia indiana è affittuaria. Le lamentele riguardavano una forte puzza di bruciato che proveniva appunto dall’abitazione al centro della vicenda. 

Sul posto, durante l’emergenza, si sono recati anche il sindaco Gabriele Gallina e il vicesindaco Fabio Fabemoli. L’amministrazione ha regalato alla famiglia una (ben più sicura) stufetta elettrica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

10 Gennaio 2016

Commenti all'articolo

  • renzo

    2016/01/11 - 11:11

    Gia' fanno fatica a pagare il gas, figuriamoci con la luce elettrica alle stelle con la stufetta. Piuttosto comperate loro una stufa a legna con un bancale di legna, facendovi restituire a piccole rate la somma investita. Il capo famiglia avra' un lavoro......se invece non ce l'ha le cose cambiano...

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000