il network

Mercoledì 07 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


REGIONE

Bordonali: volto coperto vietato in scuole e Comuni

Invito ufficiale da parte del Pirellone affinché i sindaci lombardi facciano rispettare il provvedimento

Sicurezza, stop a burqa e niqab negli ospedali e negli uffici regionali

Il divieto di entrare col volto coperto negli ospedali lombardi

"Ciò che è successo a Parigi ci riguarda da vicino. Ora è necessario un giro di vite sulla sicurezza e sul rapporto con l'Islam. I soldi dedicati all'accoglienza dei richiedenti asilo, come i 20 milioni di euro elargiti dalla Prefettura di Bergamo, devono essere investiti in un fondo per la riapertura dei Cie e l'espulsione di tutti i clandestini presenti in Italia". Lo ha detto l'assessore regionale alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione, Simona Bordonali, commentando quanto avvenuto giovedì 7 gennaio davanti a un Commissariato del diciottesimo arrondissement di Parigi.

Urge intesa con Stato italiano - "L'Islam - ha continuato Bordonali - deve sottoscrivere un'intesa con lo Stato italiano, dove vengano condivisi i valori della civiltà occidentale e dove si espliciti chiaramente la contrarietà al terrorismo e l'accettazione dell'uguaglianza tra uomo e donna".

Divieto di circolare a volto coperto sia esteso - L'assessore Bordonali torna dunque a chiedere al ministro dell'Interno Angelino Alfano di far rispettare la Legge nazionale. "In Italia - ha detto - nessuno deve poter circolare a volto coperto. Burqa e niqab devono essere vietati senza eccezioni su tutto il territorio nazionale".

Anche scuole e Comuni facciano lo stesso - "Nel frattempo - ha concluso Bordonali - invitiamo ufficialmente i sindaci lombardi a far rispettare il divieto di accesso a volto coperto anche negli Uffici comunali e nelle scuole. Si tratta di una questione di sicurezza, ma anche culturale, dalla quale non possiamo più prescindere".

07 Gennaio 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000