il network

Martedì 06 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


CREMONA

Secondo giorno di non sforamento: lo smog allenta la morsa

Resta l'emergenza e rimangono in vigore le limitazioni disposte dal sindaco che si è espresso favorevolmente sull'incontro avvenuto lunedì 28 dicembre in Regione Lombardia

Tre giorni di veleni nell'aria. E' di nuovo emergenza smog

CREMONA - Martedì 29 dicembre, per il secondo giorno, i valori delle polveri sottili registrati nelle centraline cittadine sono rientrati nei limiti di legge di 50 mg/metro cubo. Nello specifico: Fatebenefratelli 43, Cadorna 44, Gerre Borghi 24, Spinadesco 36; media 37. I giorni di sforamento delle Pm10 dall'inizio dell'anno, per quanto riguarda la media delle centraline, restano 79

Il sindaco Gianluca Galimberti ha commentato positivamente l'incontro avvenuto lunedì 28 dicembre in Regione. Al tavolo sullo smog, con il governatore Roberto Maroni, il primo cittadino aveva partecipato insieme alla dirigente all’Ambiente Mara Pesaro e al Comandante della Polizia Locale Pierluigi Sforza. "Un incontro positivo di coordinamento e di squadra che ha visto uniti sindaci, Anci e Regione contro l’inquinamento dell’area padana. Abbiamo condiviso i dieci punti preparati dall’Anci Lombardia che verranno presentati al Governo. Tra questi anche azioni strutturali che come Comune di Cremona abbiamo portato al tavolo regionale: la necessità di interventi per il trasporto pubblico, all’interno delle agenzie appena istituite, soprattutto trasporto ferroviario, incentivi per innovazioni sulle caldaie in edifici pubblici e privati e nuovi progetti a favore della mobilità dolce (biciclette e pedoni). La nostra Dirigente all’Ambiente Mara Pesaro sarà nel tavolo tecnico che studierà la possibilità di applicare “automatismi”, provvedimenti per affrontare le emergenze che scattino in modo automatico in tutta la Regione data una certa condizione di inquinamento.
Cremona, dunque, è protagonista di questo percorso sinergico. Intanto, continuiamo con le limitazioni già adottate nei giorni scorsi, continuando a monitorare la situazione e coordinandoci con il tavolo regionale”.

Rimangono in vigore, fino a revoca dell'ordinanza firmata dal sindaco, le seguenti disposizioni:
- alle limitazioni alla circolazione già previste dalla normativa regionale (fermo degli euro 0, euro 1 e 2, dalle ore 7,30 alle ore 19,30) si aggiunge il fermo degli automezzi diesel euro 3 (senza filtro antiparticolato) destinate al trasporto delle persone
- la riduzione da 14 a 12 il massimo delle ore consentite di funzionamento degli impianti termici di riscaldamento
- la riduzione di un grado (passando da 20 a 19) negli ambienti
- il divieto di uso di dispositivi che, al fine di favorire l’ingresso del pubblico, consentono di mantenere aperti gli accessi verso i locali interni di edifici appartenenti alla categoria E5 di cui all’art. 3 del D.P.R. n. 412/1993 e conseguente obbligo di mantenere chiuse le porte di accesso ai locali medesimi.

29 Dicembre 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000