il network

Giovedì 08 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


SOSPIRO

Natale amaro, pastori derubati: via 200 tra pecore e capre

I capi rubati hanno tutti un marchio aziendale caratteristico: una C sull’orecchio sinistro

Natale amaro, pastori derubati: via 200 tra pecore e capre

Le pecore rubate a Sospiro

SOSPIRO - Circa 200 fra pecore e capre rubate in una notte da una banda organizzata e attrezzata. Un danno per gli allevatori che solo per i capi di bestiame sottratti ammonta a circa 40-50mila euro. E’ quanto è successo nella notte fra giovedì 17 e venerdì 18 dicembre fra Sospiro e Longardore ai pastori vaganti Gian Michele e Giacomo Carminati, rispettivamente padre e figlio, che da tutta la vita portano avanti la tradizione di famiglia iniziata con il nonno.

I pastori avevano lasciato il gregge chiuso in un recinto mobile elettrificato in un campo nei pressi di Casaletto Nadalino verso le 17.30 di giovedì. La giornata di lavoro per i pastori vaganti si conclude infatti al calar del sole per ricominciare al mattino dopo. E alle 7 di venerdì l’amara sorpresa.

Duecento capi non stanno tutti dentro un camioncino, ci vuole un mezzo con rimorchio che però in questa stagione fa fatica a inoltrarsi in un campo. L’ipotesi è dunque che la banda di ladri fosse giunta sul posto organizzata con due mezzi e abbia lasciato il camion più grande sulla strada poco lontano, usando il furgoncino come ‘navetta’ per la refurtiva.

Neanche il clima natalizio ha messo i pastori, protagonisti dell’iconografia tradizionale del presepe, al riparo dai malviventi. I capi rubati hanno tutti un marchio aziendale caratteristico: una C sull’orecchio sinistro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

19 Dicembre 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000