il network

Sabato 03 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Autovelox fermi da sei mesi
Mancano verifiche e taratura

Tutti gli apparecchi mobili e i telelaser inutilizzati dopo una sentenza della Consulta che impone test a scadenza fissa

Autovelox fermi da sei mesiMancano verifiche e taratura

CREMONA - Prima la sentenza della Corte Costituzionale (pubblicata lo scorso 26 giugno) che sancisce l’obbligo periodico di verifica e taratura di tutti gli apparecchi (non soltanto quelli fissi) per l’accertamento dei limiti di velocità. Poi l’impasse, perché quella verifica deve essere fatta da un ente nazionale certificato non ancora individuato. Nell’incertezza, in assenza di una parola definitiva dalle autorità centrali, autovelox mobili e telelaser restano fermi. E’ da quasi sei mesi che a Cremona quelle macchine sono inutilizzate, relegate in una sorta di limbo. Stiamo parlando degli ‘occhi elettronici’ della polizia locale (un autovelox e un telelaser) e della Polstrada (tre telelaser). La Municipale al momento ha attiva soltanto la postazione fissa di via Bergamo. La Polstrada riesce a utilizzare gli autovelox perché coperti dal certificato di taratura fino al prossimo giugno. Quanto al resto, tutto fermo.
«In realtà le apparecchiature le abbiamo fatte verificare da un laboratorio universitario italiano, ma in assenza di un dato certo su chi è abilitato a certificare le macchine, non le utilizziamo. Non possiamo che attenerci alla sentenza della Consulta», spiega Pier Luigi Sforza, il comandante della polizia locale. «Su input arrivato da Roma abbiamo sospeso l’utilizzo del tre telelaser, in attesa della certificazione. La situazione — spiega il comandante della polstrada di Cremona, Federica Deledda — dovrebbe sbloccarsi tramite la verifica presso un centro universitario del Sud Italia». 

15 Dicembre 2015

Commenti all'articolo

  • arcelli

    2015/12/15 - 15:03

    ora i vigili-sceriffi di Cremona,inpegnati SOLO in operazioni di cassa,come faranno????i cittadini sono disperati

    Rispondi

  • mario

    2015/12/15 - 12:12

    Un vero peccato... con i "bancomat" fermi per assenza di certificazione, far quadrare il bilancio del Comune non sarà facile.... bisognerà inventarsi qualche altro modo per spremere i cittadini....

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000