il network

Giovedì 08 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Ospedale poco protetto. E gli abusivi dilagano

Stessa sorte per la stazione ferroviaria dove il presidio Polfer andrà ad esaurimento

Ospedale poco protettoE gli abusivi dilagano

CREMONA - Più se ne parla in termini di obiettivo sensibile, più si presenta sguarnito. L’ospedale Maggiore vive un paradosso che non sfugge a chi in quel presidio medico lavora e a chi lo frequenta per questioni di salute o per assistere un congiunto. Soprattutto ora che le cronache — vedi l’attacco avvenuto l’altro giorno a un centro per disabili della città californiana di San Bernardino — mostrano come anche un centro sanitario possa diventare un obiettivo.
I numeri sono spietati, come le lamentele di chi, ogni giorno, all’esterno della struttura, deve superare la barriera di otto, dieci extracee, tutti parcheggiatori o venditori abusivi che passano dall’invadenza alla questua molesta e, a volte, sconfinano negli insulti, anche nei confronti di persone anziane che vivono situazioni difficili. Una cosa odiosa. Nel 2006 — ben prima dell’allarme terrorismo legato Isis, che minaccia apertamente i paesi europei, Italia inclusa — all’ospedale Maggiore (una città nella città con tre-quattromila persone presenti ogni giorno tra dipendenti, malati e visitatori) erano operative otto guardie ospedaliere alle quali si aggiungevano i due agenti del posto di polizia. Oggi il posto di polizia non esiste più e le guardie sono soltanto tre. Viene garantita una presenza certa e continua soltanto nelle ore pomeridiane. Spesso, per molte ore della giornata, non c’è alcun uomo in divisa. Tutto questo mentre in portineria sono rimaste tre unità contro le dieci in servizio alcuni anni fa. 

Stessa sorte per la stazione ferroviaria. Il presidio Polfer andrà ad esaurimento. Unità dimezzate in pochi anni malgrado la rilevanza del luogo e il transito quotidiano di migliaia di persone. 

leggi di piu' sulla provincia di mercoledì 9 dicembre

 

09 Dicembre 2015

Commenti all'articolo

  • They

    2015/12/10 - 06:06

    Questo dimostra che abbiamo un governo che lavora solo a parole, tutte le risorse impiegate per accogliere clandestini riducendo servizi essenziali come la sicurezza, la sanità, la scuola.

    Rispondi

  • enrico

    2015/12/09 - 10:10

    Sbaglio o diversi mesi fa leggevo sulla provincia che i venditori abusivi avevano i giorni contati. TUTTA PROPAGANDA da parte di una amministrazione che non sa come affrontate il problema.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000