il network

Domenica 04 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

'Allestiamo un presepe in piazza'

Dopo il 'caso-Rozzano' anche in città entra nel vivo la discussione politica sul Natale: mozione urgente in consiglio comunale di Ghidotti (FI)

'Allestiamo un presepe in piazza'

Carlalberto Ghidotti

CREMONA - Dopo il caso Rozzano, si accende anche a Cremona la discussione politica sul Natale e i suoi simboli. Carlalberto Ghidotti, consigliere e coordinatore cittadino di Forza Italia, propone di allestire un presepe in una delle piazze cittadine.
«In un momento di così particolare rilevanza per il tema dell’integrazione e della fratellanza fra popoli e culture religiose, ritengo sia significativo — dice Ghidotti — che anche sotto il Torrazzo possa essere allestito in una piazza un presepe cristiano. La piazza è stata nei secoli luogo di incontro e di confronto. In piazza ci si ritrova per stare assieme, per incontrare amici o semplicemente per bere un caffè. Quale luogo più adeguato per condividere un messaggio di speranza? Il significato del presepe potrà essere di auspicio e di sostegno all’integrazione fra tutte le comunità religiose presenti in città. Se poi ad allestirlo fossero direttamente i consiglieri comunali insieme con i rappresentanti di diverse comunità religiose, il messaggio di pace potrebbe amplificarsi». L’esponente della minoranza ha affidato la sua proposta a una mozione urgente presentata nelle ultime ore.

02 Dicembre 2015

Commenti all'articolo

  • koglione

    2015/12/02 - 22:10

    probabilmente qualcuno non sa che della cultura occidentale fanno parte a pieno merito gli atei ed altre confessioni religiose, facciamo i presepi nelle case o nelle chiese oppure non lamentiamoci delle moschee e di tutto il resto.

    Rispondi

    • xxx

      2015/12/03 - 00:12

      di atei veri e coerenti ne ho conosciuti pochissimi,a differenza di quelli che si dichiarano atei quando si parla male del cristianesimo,ma quando si critica ad esempio l'islam ti sono subito contro...io questo tipo di ateismo non lo riconosco in queste persone...per le altre religioni penso non ci siano problemi di integrazione e la cosa è reciproca...eccetto l'islam...

      Rispondi

  • koglione

    2015/12/02 - 16:04

    che mente sopraffina, poi ci lamentiamo se girano con il burka al cremonapo? evitiamo entrambe le cose. no al crocifisso in aula, ma anche no all' ingresso nella scuola di studenti o genitori con il velo o il chador, insomma, qualsiasi cosa ricordi la loro religione.

    Rispondi

    • xxx

      2015/12/02 - 18:06

      invece io dico: si al crocifisso,si al presepe,si a qualsiasi canto di Natale,e si a qualsiasi cosa che riguarda la nostra cultura occidentale e tradizione Natalizia...

      Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000