il network

Lunedì 05 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Spacciavano nei campi, arrestati due marocchini

Entrambi clandestini, i nordafricani avevano avviato una proficua attività di smercio di eroina e cocaina. I carabinieri li hanno bloccati a Castelvetro

Spacciavano nei campi, arrestati due marocchini

Il materiale sequestrato dai carabinieri di Cremona

CREMONA - I Carabinieri del NOR della Compagnia di Cremona, nel tardo pomeriggio di venerdì 27 novembre, nelle campagne di Castelvetro Piacentino, hanno tratto in arresto due cittadini marocchini sorpresi nella flagranza del reato di spaccio di sostanze stupefacenti (eroina e cocaina). La coppia da tempo aveva avviato una proficua attività di spaccio di sostanze stupefacenti in favore di molti tossicodipendenti provenienti dalla limitrofa provincia di Cremona ed i militari del NOR, proprio seguendo i movimenti di alcuni acquirenti, erano riusciti ad individuare il luogo dello smercio, un’area di aperta campagna scelta appositamente dai magrebini per poter osservare eventuale intervento delle Forze dell’ordine. Venerdì 27 la svolta allorquando verso le ore 18, grazie al buio, i militari riuscivano ad avvicinarsi agli spacciatori bloccandoli nell’immediatezza. Uno di loro tentava una fuga improbabile, ma in tale frangente un militare riportava una leggera ferita poi medicata con 4 giorni di prognosi. Addosso ai due nordafricani venivano trovati più di un etto di eroina in sasso e 24 grammi di cocaina, oltre a vario materiale per il confezionamento e una bilancia di precisione, segno inequivocabile della destinazione della droga. Nel corso del monitoraggio si è verificato che giornalmente i due servivano una trentina di tossicodipendenti provenienti dalle province limitrofe con smercio settimanale almeno di circa 1 chilogrammo di eroina e mezzo chilo di cocaina per un giro d’affari importante. I due, uno con un ordine di espulsione coattivo emesso dalla Questura di Messina il 17 luglio 2015, nella tarda mattinata di sabato 28 novembre saranno processati con rito direttissimo innanzi il Tribunale di Piacenza. Arresto convalidato per entrambi ed applicata misura della custodia cautelare in carcere in virtù del pericolo di reiterazione dei reati e di fuga da parte dei medesimi. Andranno a processo il 17 dicembre.

28 Novembre 2015

Commenti all'articolo

  • They

    2015/11/29 - 08:08

    Perfettamente integrati...

    Rispondi

  • enrico

    2015/11/28 - 14:02

    E per quello che i nuovi arrivati li destinato in paesi limitrofi così "lavorano" indisturbati?

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000