il network

Giovedì 08 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


BASSA PIACENTINA

Rifiuti selvaggi con multa

Stavolta a Castelvetro 'presi' i colpevoli. Sanzione a una famiglia di Casalbuttano, telecamera in azione

Rifiuti selvaggi con multa

Alcuni dei sacchi abbandonati a Castelvetro

CASTELVETRO — Di nuovo sacchi dell’immondizia provenienti dal Cremonese e gettati appena oltre il ponte di Po: gli ultimi scarichi abusivi risalgono alla notte tra domenica 15 e lunedì 16 novembre e la polizia municipale dell’Unione della Bassa è riuscita a risalire agli autori, una famiglia straniera di Casalbuttano che verrà multata. A separare i due paesi ci sono circa 21 chilometri, ma è molto probabile che questa distanza venga compiuta abitualmente da uno dei componenti della famiglia per lavoro. L’unica certezza è che i sacchi, una decina lasciati vicino alle campane di Mezzano e altrettanti nella zona di San Giuliano, sono spuntati di mattina: «Pensiamo siano stati lasciati nella notte fra domenica e lunedì — spiega l’assessore all’Ambiente Massimo Zerbini — e come già accaduto in precedenza si tratta di sacchi trasparenti con la scritta della società cremonese che si occupa del servizio di smaltimento (Linea gestioni, ndr). Non contenevano rifiuti pericolosi, ma prevalentemente lattine, buste e scatole di cibo, come ad esempio latte in polvere. Materiale che comunque andrebbe riciclato e che in ogni caso dovrebbe essere conferito a Cremona». I sacchi sono stati lasciati al di fuori dei bidoni, praticamente sulla strada, e gli agenti di polizia hanno provveduto ad aprirli uno ad uno allo scopo di trovare elementi utili per risalire ai colpevoli. E come accaduto già diverse volte a Castelvetro, anche in questa occasione gli indizi c’erano eccome: fogli e buste con indicato lo stesso nominativo e indirizzo. Al di là della simbolica sanzione (circa 50 euro), Zerbini spera che i sistematici controlli servano per limitare il fenomeno: «Troviamo costantemente sacchi di provenienza cremonese e nei prossimi giorni avvieremo una campagna di controlli ulteriori attraverso la telecamera mobile dell’Unione». Il comandante Massimo Misseri nelle scorse settimane aveva annunciato che sarebbe stata impiegata a rotazione in tutti i paesi della zona e infatti nelle prossime ore sarà utilizzata a Monticelli, poi sarà presente per circa 15 giorni a Castelvetro e frazioni. Intanto l’inciviltà continua a regnare anche negli altri paesi, ad esempio a Caorso dove spuntano in continuazione sacchi gettati nei canali che spesso vengono aperti da animali selvatici.

18 Novembre 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000