il network

Domenica 04 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


LE CELEBRAZIONI A CREMONA

La città ricorda Sant'Omobono

In cattedrale l'omaggio dei ceri dal sindaco Galimberti al vescovo. Un fitto programma venerdì 13 novembre in occasione della festa del patrono

La città ricorda Sant'Omobono

La cripta con le reliquie di Sant'Omobono

CREMONA - Si preannuncia — come sempre — particolarmente ricco il programma celebrativo della festa di Sant’Omobono, patrono di Cremona e della sua diocesi. Venerdì 13 novembre la Cattedrale sarà meta di numerosissimi fedeli, sia per assistere alle solenni liturgie presiedute dal vescovo Lafranconi, sia per onorare le reliquie del ‘padre dei poveri’, conservate nella cripta. Va inoltre segnalato che fino a sabato 14 la San Vincenzo della parrocchia della Cattedrale promuove nel salone ex Borsino della Camera di Commercio (via Solferino 29) la consueta mostra benefica; aperta dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19. La solennità patronale di sant’Omobono si apre ufficialmente giovedì 12 novembre alle 17.30 in Cattedrale, con il canto dei Primi Vespri del Santo, cui prenderanno parte i canonici del perinsigne Capitolo della Cattedrale. A guidare la preghiera sarà mons. Giuseppe Perotti, presidente del Capitolo. Alle 18 il parroco della Cattedrale, mons. Alberto Franzini, celebrerà l’Eucaristia già della solennità patronale. Venerdì 13 la Cattedrale sarà aperta dalle 8 alle 12.30 e dalle 15 alle 19, con possibilità di accedere alla cripta dove sono conservate le spoglie del Santo Patrono. A garantire il regolare afflusso dei pellegrini sarà l’Associazione Nazionale Carabinieri di Cremona. In mattinata le Messe saranno celebrate alle 8 e alle 10.30, quest’ultima presieduta del vescovo Lafranconi. Nel pomeriggio, alle 17, il presule presiederà i Secondi Vespri. Alle 18 l’ultima messa della giornata, presieduta da mons. Franzini. Poco dopo le 10, al portone della Cattedrale lo stesso mons. Franzini accoglierà la delegazione dell’Amministrazione comunale, guidata dal sindaco Gianluca Galimberti, con il gonfalone della città. Alle 10.15 nella cripta, dove è custodita l’urna con il corpo del Santo Patrono, le autorità attenderanno il vescovo. Mons. Lafranconi riceverà l’omaggio dei ceri da parte dell’Amministrazione comunale. Seguirà la recita della preghiera a sant’Omobono scritta dallo stesso Lafranconi, che alle 10.30 presiederà la solenne messa pontificale. Come consuetudine, all’offertorio una rappresentanza di Confartigianato Cremona, insieme ad alcuni rappresentanti di altre città della Lombardia, consegnerà al vescovo alcune stoffe insieme a un’offerta da destinare a sostegno delle iniziative della Caritas diocesana. Al termine della cerimonia, il vescovo si recherà alla Casa dell’Accoglienza per pranzare insieme alle persone in difficoltà, ospite della Caritas Cremonese e della Società San Vincenzo de’ Paoli diocesana, che gestisce un servizio importante e sempre particolarmente richiesto come quello delle ‘Cucine benefiche’. L’incontro con i volontari della San Vincenzo e la presidentessa Eugenia Rozzi Bassignani proseguirà nel pomeriggio quando, alle 15, il presule inaugurerà la nuova sede di distribuzioni degli alimenti della San Vincenzo, e gli appartamenti del progetto Sprar in via San Francesco d’Assisi. Alle 17 Lafranconi presiederà in Cattedrale i Secondi Vespri di Sant’Omobono. Durante la celebrazione sarà ammesso al diaconato e al presbiterato il seminarista Arrigo Duranti, classe 1990, originario della parrocchia Santa Maria Assunta e San Giacomo Apostolo di Soncino. Con il rito dell’ammissione agli ordini sacri, il candidato manifesta pubblicamente il proprio libero e consapevole intendimento di diventare sacerdote, mentre la Chiesa, nella persona del vescovo, ne riconosce l’idoneità a proseguire la preparazione spirituale e teologica. In occasione della solennità patronale di sant’Omobono, nell’omonima chiesa di via Ruggero Manna sono in programma diversi momenti liturgici che culmineranno nella festa di venerdì 13. Nel giorno di sant’Omobono, le messe saranno celebrate alle 8.30, alle 10, alle 11.15, alle 17.30 ed alle 18.30, con l’ accompagnamento di diversi cori del territorio. Alle 17 si terrà il canto del Vespro. Le messe di sabato 14 (alle 18.30) e quelle di domenica 15 (in programma alle 10, 11.15 e 17.30) che di norma si celebrano nella chiesa di Sant’Agostino, saranno invece celebrate in Sant’Omobono. Si concluderanno così una serie di celebrazioni e riti particolarmente sentiti dai cremonesi, che ogni anno onorano la memoria del loro patrono.

12 Novembre 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000